Home / Attualità / Operazione “Mare Sicuro 2020”: la Guardia Costiera sequestra acquascooter

Operazione “Mare Sicuro 2020”: la Guardia Costiera sequestra acquascooter

 Elevate sanzioni per navigazione sottocosta a tutela dei bagnanti

Con l’operazione “Mare Sicuro 2020”, effettuata sotto il coordinamento della Direzione Marittima di Reggio Calabria, sono in corso costanti controlli della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Corigliano Calabro per garantire, sia ai bagnanti che ai diportisti, una corretta fruizione delle spiagge e del mare.

Nel corso di un pattugliamento lungo il litorale del Comune di Corigliano Rossano (CS),  è stata intercettata una moto d’acqua condotta da un diportista sprovvisto di patente nautica. A seguito di approfondite verifiche dei documenti di bordo, i militari constatavano non solo l’assenza del titolo abilitativo alla condotta, bensì la mancanza della copertura assicurativa. Il codice della nautica da diporto, infatti, impone il possesso della patente nautica per condurre la moto d’acqua, indipendentemente dalla distanza dalla costa a cui il mezzo navighi, nonché l’obbligo dell’assicurazione per qualsiasi unità motorizzata. Pertanto, al termine dell’accertamento, il personale della Guardia Costiera ha elevato, a carico del conducente, due sanzioni amministrative per un importo complessivo pari a 5000 euro procedendo al consequenziale sequestro amministrativo del mezzo nautico.

Nelle acque antistanti il Comune di Cariati (CS), inoltre, durante un pattugliamento a bordo di un mezzo navale dipendente, sono state rilevate, in due occasioni, la condotta di acquascooter senza patente nautica; in altre quattro circostanze l’assenza, a bordo, di dotazioni di sicurezza previste per il tipo di navigazione ed in tre casi la navigazione in zone riservate alla balneazione; sono state quindi elevate sanzioni amministrative per un importo totale di 9000 euro.

Non è mancato, nel corso della predetta attività nelle acque antistanti Cariati (CS), il sequestro a carico di ignoti, di numerosi attrezzi da pesca (nasse) sprovvisti di qualsivoglia identificativo e segnalamento, posizionati a pochi metri dalla riva, all’interno dello specchio acqueo riservato alla balneazione e, pertanto, pericolosi per i bagnanti.

La Guardia Costiera di Corigliano Calabro, in uno con i propri Uffici marittimi di Montegiordano, Trebisacce e Cariati, intensificherà nel corso della corrente stagione estiva l’attività di controllo, sia via mare che a terra, al fine di garantire il rispetto delle norme in materia di sicurezza balneare e di diporto nautico


 

Commenta

commenti