Home / Attualità / Oliverio a Sibari: “Ospedale unico, entro fine anno l’inizio dei lavori”

Oliverio a Sibari: “Ospedale unico, entro fine anno l’inizio dei lavori”

11054454_451501418341269_4510565377385617661_nNel tardo pomeriggio di oggi, all’Hotel Minerva di Sibari, si è tenuto alla presenza di personalità politiche e tanti membri della società civile, l’incontro con il Presidente della Regione Calabria Mario Oliverio  dal titolo “Ascolto, confronto, proposte – Oliverio incontra la Sibaritide” , introdotto dal sindaco di Cassano All’Jonio Gianni Papasso. Tanti i temi sotto la lente d’ingrandimento, diverse le problematiche messe sul piatto dai tanti sindaci intervenuti. Sanità, in primis, e poi rifiuti, legalità, occupazione sono state le questioni che i sindaci dello Jonio, da Giuseppe Geraci (Corigliano) e Giuseppe Antoniotti (Rossano), fino a Giuseppe Ranù (Rocca Imperiale) e Mauro Santoro (Terravecchia) hanno sollevato e riproposto al Presidente Oliverio. “Il caos sanità è stato determinato da una visione troppo burocratica della questione – ha dichiarato Oliverio a proprosito di quella problematica che, forse, tiene sotto scacco la Sibaritide più di ogni altra-. Proprio per questo avevamo chiesto la nomina del commissario alla sanità. Sicuramente serve un’azienda sanitaria unica. Per quanto riguarda l’ospedale unico della Sibaritide posso dire che entro l’anno verrà aperto il cantiere dei lavori. Entro i prossimi giorni firmeremo il protocollo di legalità. Tempi totali? 2 anni e 8 mesi, compresi tempi progettazione”. Il presidente ha rassicurato i sindaci anche sulle questioni trivellazioni, Enel e rifiuti su cui il primo di cittadino di Rossano in particolare ha posto un forte accento: “Nessun termovalorizzatore nell’area di Rossano. Se i vertici dell’Enel sono disponibili, si discuterà solo di impianti ad impatto zero. Sulle trivellazioni la Regione ribadisce il suo no netto, sia a quelle in mare che sulla terra. E infine ad Antoniotti voglio garantire massima attenzione su questione tariffe rifiuti”.

Commenta

commenti

1 Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*