Home / Attualità / Olio extravergine, successo per Rossano a Trieste

Olio extravergine, successo per Rossano a Trieste

olio

Il Sindaco di Rossano Stefano Mascaro

Aziende rossanesi in rappresentanza dell’Area Urbana alla kermesse Olio capitale 2018, svoltasi nei giorni scorsi a Trieste. “Un’ulteriore tassello – si legge nella nota stampa del sindaco di Rossano e coordinatore regionale dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio Stefano Mascaro – che va ad aggiungersi a un mosaico di iniziative originali. Che sin dal nostro insediamento nel 2016 hanno contribuito a far conoscere la Città del Codex attraverso la Cultivar Dolce di Rossano. Se l’immagine della nostra città continua ad essere promossa in Italia e nel mondo attraverso i suoi marcatori identitari distintivi è anche grazie alla sensibilità degli imprenditori. Che hanno saputo riconoscere nell’Amministrazione Comunale un valido alleato per la promozione delle produzioni d’eccellenza di questo territorio.

Il nostro augurio – conclude Mascaro – è che su questa stessa strada e su questo stesso metodo si continuerà a promuovere la città unica Corigliano-Rossano.

OLIO E ULIVO, SARÀ UNA PRIMA VOLTA

I ramoscelli di ulivo che saranno utilizzati a ROMA dai fedeli e dai cardinali durante la Santa Messa della DOMENICA DELLE PALME, il 25 MARZO, giungeranno da ROSSANO e dalle altre città dell’olio della Calabria aderenti. I frantoi LABONIA, SANTORO e FRANTOLIO ACRI le aziende agricole CANDIANOFratelli RENZO e TERRE BIZANTINE. Sono, queste, le realtà che hanno rappresentato l’Area Urbana al 12esimo Salone degli oli extravergini tipici e di qualità; tenutosi dal 3 al 6 marzo scorsi nel capoluogo friulano. E che ha confermato il successo già fatto registrare con l’edizione 2017; alla presenza del Sindaco Stefano Mascaro, del Presidente della Regione Calabria Mario Oliverio e inoltre dell’Associazione Nazionale Enrico Lupi.

Tra gli altri riconoscimenti registrati, OrOlio, il monocultivar dell’azienda agricola dei Fratelli Renzo, è stato selezionato dall’Oil Bar; per una tavola rotonda alla quale sono stati invitati a confrontarsi produttori ed esperti provenienti dalle tre regioni Sicilia, Calabria e Puglia.

Commenta

commenti