Home / Breaking News / Odissea 2000, ultima trasferta a Barletta

Odissea 2000, ultima trasferta a Barletta

odissea 2000Per l’ Odissea 2000 il girone d’andata si concluderà sul parquet del Cristian Barletta. Proprio quel Palasport cornice della storica vittoria della Coppa Italia di serie B da parte della formazione bizantina. Per mister Sapinho, Gervasi, Russo, Scervino, Labonia, Pizetta e Segovia, che ancora vestono la maglia gialloblù, tornare al Paladisfida sarà un flashback emozionante. Ricordi a parte, il match tra Cristian Barletta e Odissea 2000 mette in palio punti importanti in ottica Coppa Italia ed entrambe mireranno al bottino pieno. Dei temi della penultima partita del girone d’andata ha parlato il giovane talento rossanese, classe 1999, Pietro Graziano.

“Sarà una bella partita tra due squadre che vorranno incamerare i tre punti: loro per riprendere il cammino dopo il risultato negativo patito contro il Maritime; noi per prolungare la striscia positiva e risalire la classifica – ha affermato Graziano -. Una sfida difficile, ma sono fiducioso sulle possibilità di fare risultato. La settimana di riposo ci ha consentito di allenarci con tranquillità e di prepararci al meglio a questa partita. Siamo nettamente in crescita come dimostrano le prestazioni contro Meta e Bisceglie e, visto il potenziale del nostro organico, vogliamo attestarci stabilmente nei quartieri alti della classifica”.

ODISSEA 2000, GRAZIANO: IL MIO OBIETTIVO E’ APPRENDERE IL PIU’ POSSIBILE

Il giovane Pietro Graziano, che ricordiamo, è stato uno dei protagonisti della vittoria della Rappresentativa della Calabria all’ultimo Torneo delle Regioni, è molto considerato da mister Sapinho; che l’ha voluto in prima squadra.

“Far parte di questo straordinario gruppo mi dà belle sensazioni. Sono venuto all’Odissea 2000 per imparare e sotto questo punto di vista il mister e i compagni di squadra mi stanno aiutando tantissimo. Per me è un onore allenarmi e giocare con dei giocatori che prima vedevo dagli spalti o in televisione. Il mio obiettivo è apprendere il più possibile per diventare un calcettista completo. E, un giorno – ha concluso il giocatore rossanese – essere un punto di forza della squadra della mia città”.

Commenta

commenti