Home / Attualità / Nuovo Ospedale della Sibaritide, i sindaci dell’area urbana chiedono incontro

Nuovo Ospedale della Sibaritide, i sindaci dell’area urbana chiedono incontro

geraci-antoniottiNuovo ospedale della Sibaritide, i sindaci dell’Area urbana Corigliano-Rossano chiedono di incontrare il presidente della Giunta regionale ed il Commissario ad acta per la Sanità in Calabria. C’è necessità di conoscere e circoscrivere i tempi di realizzazione del nuovo nosocomio, che dovrà sorgere in contrada Insiti. Un vertice operativo necessario per fare chiarezza sulle possibili e già ventilate ipotesi di congelamento dell’iter di realizzazione del presidio sanitario.
A seguito dell’incontro operativo tenutosi ieri pomeriggio (mercoledì, 17 giungo) presso l’ospedale “Giannettasio” di Rossano con le associazioni civiche ed il Comitato pro-ospedale della Sibaritide, il sindaco Giuseppe Antoniotti, anche a nome e per conto del collega di Corigliano, Giuseppe Geraci, stamani (giovedì, 18 giugno) ha trasmesso formale richiesta di incontro urgente al Governatore Oliverio ed al Commissario Scura.
È opportuno – afferma Antoniotti – che la Regione ed il Commissario ad acta, anche alla luce dell’ultimo sopralluogo effettuato nello spoke di Rossano-Corigliano,esplichino in modo chiaro il crono programma di realizzazione del nuovo Ospedale della Sibaritide. Bisogna fugare ogni dubbio e soprattutto smentire tutte quelle voci che, di recente, si alimentano sottobanco. A sentire le quali si starebbe pensando ad un piano “B” per risanare la sanità cosentina, sfruttando i soldi destinati al nuovo presidio ospedaliero sibarita, a discapito della popolazione ioniche. Ma siamo convinti che tale soluzione non sia e non possa essere nei piani del Governo Oliverio. Innanzitutto perché sarebbe mortificante per un territorio che in Calabria ha pagato e sta pagando il prezzo più alto nel quadro di risanamento della sanità regionale: con due ospedali periferici chiusi a discapito di quelli di Rossano e Corigliano che hanno dovuto assorbire un’utenza di quasi 200mila abitanti, una rete assistenziale insufficiente e di gran lunga al di sotto degli standard minimi e un sistema viario da terzo mondo. Solo per questo – aggiunge il Sindaco – è impensabile che si possa percorrere la strada verso l’annullamento del progetto di realizzazione del Nuovo ospedale. Inoltre, è già stata effettuata ed assegnata, nei mesi scorsi, la gara d’appalto a dimostrazione che i soldi ci sono e quindi devono essere spesi per questa opera strategica per il territorio. Per questo, insieme all’amico e collega di Corigliano, Giuseppe Geraci, abbiamo chiesto di interloquire sia con Oliverio che con Scura. Perché, nell’eventualità in cui dovesse esserci un qualsiasi intoppo sul costruendo ospedale, è giusto capire se siano sopraggiunti problemi tecnici, e cercare quindi di superarli, o se diversamente ci siano altri indirizzi di natura politica. Pertanto – conclude Antoniotti– aspettiamo un riscontro celere alla nostra missiva con l’auspicio che il tavolo di confronto venga convocato al più presto.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*