Home / Attualità / Nave-quarantena al Porto di Corigliano Rossano, Graziano: necessario individuare nuova destinazione

Nave-quarantena al Porto di Corigliano Rossano, Graziano: necessario individuare nuova destinazione

Graziano: «Territorio impreparato ad affrontare questa emergenza»

grazianograzianoIl Presidente del Gruppo UDC in Consiglio regionale, Giuseppe Graziano, in questo momento, anche insieme al sindaco di Corigliano-Rossano, Flavio Stasi, si sta adoperando per chiedere la convocazione di un incontro in Prefettura volto a certificare come il territorio sibarita non sia al momento pronto ad ospitare  nave “GNV Aurelia” per la quarantena sanitaria dei migranti. «Il provvedimento, emesso dal Ministero dell’Interno – Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione, con il quale individua il porto di Corigliano-Rossano quale destinazione finale della nave, è inammissibile perché adottato senza la preventiva e necessaria concertazione con il territorio e con le istituzioni che lo rappresentano. Bisognerà trovare una nuova collocazione per l’imbarcazione, atteso che Corigliano-Rossano ed il territorio della Sibaritide, al momento, non hanno gli strumenti sanitari e strutturali adeguati per far fronte alla situazione. Auspico – aggiunge Graziano – nel necessario ed efficace intervento della deputazione parlamentare della Sibaritide, che sono certo non tarderà ad arrivare, per scongiurare una situazione paradossale. In questo particolare momento storico Corigliano-Rossano ha a malapena gli strumenti sanitari idonei a sopravvenire alle esigenze dei cittadini in regime di normalità.

Cosa succederebbe se questa povera gente in quarantena sulla nave dovesse sentirsi male o, peggio, se contagiati dovessero peggiorare la loro condizioni clinica? In quale ospedale si potrebbero curare? Sicuramente in nessuno ospedale degli ospedali del territorio. E nel caso di trasferimento in altra sede chi garantirebbe l’attuazione del rigidi protocolli anti-contagio considerate le condizioni logistiche a terra?» «Si pone, poi – precisa il Consigliere regionale -, un problema di sicurezza in un territorio in cui i presidi di pubblica sicurezza sono, sì, in attesa di essere potenziati ma in questo momento rimangono sottodimensionati. Nel caso di una fuga dalla nave chi riuscirebbe ad intercettare i fuggitivi dal momento che il porto di Corigliano-Rossano si trova a ridosso di una pianura Vastissima, la più grande della Calabria, con molteplici vie di fuga?» «È chiaro che siamo di fronte ad una soluzione frettolosa che va urgentemente rivista soprattutto facendo leva sulla compattezza di tutti i rappresentanti istituzioni del territorio».


Commenta

commenti