Home / Ambiente / La prima Assemblea del Movimento per la vita di Rossano

La prima Assemblea del Movimento per la vita di Rossano

RossanoSabato 25 marzo 2017 si è tenuta la prima Assemblea del Movimento per la Vita di Rossano da quando c’è stato il rinnovo degli organi rappresentativi.

Il nuovo corso del Movimento per la Vita si apre con l’adesione di un fitto numero di associati. Che da subito hanno voluto sottolineare un impegno attivo e determinato nella difesa della Vita e nella tutela dei diritti di ogni persona.

In questa sede i nuovi soci hanno deliberato la partecipazione del Movimento alle molteplici iniziative. Che coinvolgeranno la comunità civile di Rossano, e non solo, nelle prossime settimane. Tra queste: la “Manifestazione per il diritto alla Salute nella Sibaritide”.

Prevista per sabato 1 aprile 2017; l’adesione al “Coordinamento territoriale interforze”. Per chiedere la verità sulla chiusura del tribunale di Rossano, quindi in difesa del diritto alla Giustizia. La presenza nel Comitato cittadino “Rossano dacci una zampa”.

MOVIMENTO PER LA VITA DI ROSSANO

Al fine di tutelare sia i cittadini sia gli animali, sensibilizzando la comunità sul diffuso fenomeno del randagismo. Il patrocinio allo spettacolo teatrale di solidarietà del 29 aprile 2017 “I cinque linguaggi dell’amore”.

Ideato e interpretato da Pierluigi Bartolomei, che vedrà coinvolte altre realtà dell’Arcidiocesi Rossano – Cariati. Il cui ricavato sarà destinato in parte alla Caritas Diocesana e in parte al progetto internazionale “Saxum”.

Il giovane Presidente Natale Bruno si è detto soddisfatto dell’entusiasmante inizio del nuovo corso del Movimento ed onorato di poter vantare. Tra le molteplici adesioni, persone provenienti da diversi ambiti sociali, dai genitori ai professionisti.

Dagli studenti a soci che hanno ricoperto o ricoprono tutt’oggi ruoli istituzionali. Tra questi la più illustre è certamente quella del Sindaco della città di Rossano, Stefano Mascaro.

Bruno ha poi ribadito come il Movimento per la Vita di Rossano vuole porsi in maniera trasversale tra le diverse realtà presenti sul territorio. Rinnovando il pieno sostegno sia alla Diocesi sia all’Amministrazione per qualsiasi iniziativa di promozione sociale e di difesa dei diritti della Persona.

Commenta

commenti