Home / Attualità / Monsignor Satriano e il significato del mare nello stemma

Monsignor Satriano e il significato del mare nello stemma

stemma satrianoLo stemma araldico di un municipio, di una famiglia o casato nobiliare, rappresenta l’identità propria in cui si concentrano storia e tradizione.
Un patrimonio genetico fatto di simboli che spesso si ripetono anche sui portali dei palazzi nobiliari, sui gioielli e nei sigilli. Anche nel mondo sacro delle diocesi cattoliche uno stemma è simbolo di identità ed ogni vescovo sceglie ed elegge come suo segno distintivo qualcosa che lo rappresenti. L’Arcidiocesi di Rossano – Cariati tra una settimana accoglierà il suo rappresentante più illustre Monsignor Giuseppe Satriano, il quale nella storica sede di Rossano giunge con il suo stemma. E monsignor Satriano sa che ciò che colpisce del suo simbolo è il colore predominante dell’interno dello stemma: il blu chiaro tendente all’azzurro di un cielo che si estende fino a fondersi con il mare stilizzato con delle ondine bianche.
È nel mare e nelle sue profondità che risiede il vero significato cristiano: Cristo naviga con il suo essere la vastità del male, sul quale però la cristianità può spiegare le vele della riconciliazione con l’umanità. La scelta del mare è anche una sorta di unione geografica delle due città quella di provenienza e quella dove giungerà: città marina Brindisi, città marina Rossano. La croce con incastonate gemme preziose è posta al centro e racchiude in sé il dolore e la speranza. La preziosità del simbolo indica la forza del messaggio di Cristo che si è fatto spirito per portare salvezza eterna all’umanità, nel buio delle brutture umane illuminate dalla Resurrezione. In alto sulla sinistra della croce brilla la stella bianca e splendente ad otto punte che simboleggia la Madre di Cristo, che è Guida e Conduttrice per le anime che senza la sua luce vagano senza meta. Lo stemma vescovile è sormontato in alto dal galero, il largo cappello dal colore verde rappresentativo della carica ecclesiale che si ricopre. Gli arcivescovi e i vescovi hanno il colore verde (rosso i cardinali, nero i presbiteri, porpora i monsignori, ndr), così come verdi sono le nappine che scendono snodandosi ed intrecciandosi lungo lo scudo.
Ogni nappina ha il suo posto prescelto in base alla carica (Cappellani e patriarchi hanno cordoni e nappine del color oro, ndr). Lo stemma di Monsignor Satriano ha 10 nappe verdi, partendo da una, a seguire due, poi tre ed infine quattro per lato. A fare da cornice conclusiva è il nastro su cui la frase, estratta dal Salmo 89 (88) “Misericordias Domini Cantabo”- Canterò la Misericordia del Signore, resta impressa e spiega il volere del nostro Vescovo di una scelta precisa, che lo accompagnerà nel segno della Misericordia e della magnificenza della bontà del linguaggio di Cristo, attraverso la Guida spirituale di Maria.

s. t.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*