Home / Attualità / Monitoraggio positivo da parte del Ministero sullo Sprar della provincia di Cosenza

Monitoraggio positivo da parte del Ministero sullo Sprar della provincia di Cosenza

La Visita di monitoraggio effettuata dal Servizio Centrale del Ministero dell’Interno sullo Sprar della Provincia di Cosenza, ha avuto esito positivo

Soddisfatto il Presidente Iacucci, convinto che lo Sprar sia «un modello virtuoso di accoglienza che ha dimostrato di funzionare anche nell’ottica dell’integrazione dei migranti» La Provincia di Cosenza gestisce da più di dieci anni il progetto Sprar “Asylon, Cosenza: la città dell’accoglienza”. Nei giorni scorsi, nell’ambito dell’attività di assistenza e monitoraggio del Servizio Centrale del Ministero dell’Interno, ha ricevuto la visita di monitoraggio. Obiettivo della visita di monitoraggio è stato quello di verificare la conformità del progetto alle linee guida SRAR/SIPROIMI e al manuale operativo.

Nel corso del monitoraggio sono state visitate tutte le strutture di accoglienza dei beneficiari, che sono risultate di buona qualità.

Così come l’incontro svoltosi con l’equipe di progetto ha dimostrato e riscontrato apprezzamento da parte del Servizio Centrale del Ministero dell’Interno.

Nel corso dell’incontro, svoltosi alla presenza del Presidente della Provincia di Cosenza Franco Iacucci, è stato evidenziato come si sia riscontrato un buon livello di implementazione del servizio e che la presa in carico dell’equipe multidisciplinare è risultata soddisfacente, essendo la stessa composta da figure con adeguata professionalità.

Il Presidente ha espresso soddisfazione per l’esito della visita di monitoraggio, apprezzando i risultati del progetto «abbiamo voluto essere molto presenti nella governance del progetto e vogliamo valorizzarne i risultati e consolidare la buona prassi evidenziata dal Servizio Centrale del Ministero dell’Interno. Sono infatti convinto che lo Sprar sia un modello virtuoso di accoglienza, che ha dimostrato di funzionare anche nell’ottica dell’integrazione dei migranti».


Commenta

commenti