Home / Attualità / Mobilità, la Bruno Bossio spinge per uno snodo ferroviario Jonio-Tirreno

Mobilità, la Bruno Bossio spinge per uno snodo ferroviario Jonio-Tirreno

La deputata del Partito democratico: «Necessaria una fermata Frecciargento a Torano Castello»

«La rivendicazione dei sindaci di molti comuni, che insistono sulla valle del Crati e sull’area urbana metropolitana cosentina del versante nord, e del leader del movimento “Diritti civili” Franco Corbelli per istituire a Torano Castello una fermata del frecciargento Sibari-Bolzano, è la prova di quanto sia necessario la realizzazione di uno snodo ferroviario strategico per il collegamento ferroviario ionico-tirrenico attraverso la realizzazione di una nuova stazione a Settimo di Montalto Uffugo».

Ad affermarlo è la parlamentare del Pd, Enza Bruno Bossio, che aggiunge: «Non c’è più tempo da perdere: la nuova infrastruttura va non solo assunta nella programmazione RFI ma va anche finanziata».

«Il percorso per pervenire alla realizzazione della opera – precisa ancora la parlamentare del Pd – era stato già tracciato tra RFI e la Giunta regionale guidata da Mario Oliverio. Era stata raggiunta un’intesa che ora va soltanto portata a compimento. La stessa istituzione del treno frecciargento Sibari – Bolzano è stata una iniziativa proposta e finanziata dalla Regione, una sperimentazione della validità della strategia di collegamento ferroviario tra le direttrici ionica e tirrenica».

E quindi la necessità di attivare da subito una fermata a Torano Castello in attesa della realizzazione di una nuova stazione. «Una fermata del frecciargento nella stazione di Torano – precisa ancora la Bruno Bossio – va intesa come coerente con tale strategia. Sarebbe una scelta emergenziale – prosegue la deputata – che evidenzierebbe la necessità di una accelerazione della realizzazione della nuova stazione di Settimo. Sarebbe opportuno, a questo fine, che si pervenisse ad una intesa organica tra Regione, RFI e MIT. Per quanto mi riguarda, pertanto, mi impegno a questo fine a promuovere ogni iniziativa utile a livello parlamentare e di sensibilizzazione sia del Ministero che di RFI».


Commenta

commenti