Home / Breaking News / Mirto Crosia,l’amministrazione comunale attenta alla scuola

Mirto Crosia,l’amministrazione comunale attenta alla scuola

Mirto Crosia. L’Esecutivo Russo continua a sostenere iniziative e progetti in collaborazione con gli Istituti scolastici cittadini. Contribuendo a garantire ai giovani un’offerta formativa completa e diversificata. Ampliando i programmi didattici tradizionali. Mostrando un’attenzione verso il mondo della Scuola e i processi educativi. Con questi obiettivi l’Amministrazione Comunale – Assessorato alla Pubblica Istruzione e Cultura ha contribuito alla realizzazione dei progetti “Ciak, un processo simulato per evitare un processo vero” avviato all’Istituto Tecnico Economico Don Milani, “Atelier Creativi” e “Andiamo a Scuola di Giornalismo” dell’Istituto Comprensivo Crosia-Mirto.

 Proprio nei giorni scorsi, gli studenti che hanno aderito al progetto Andiamo a Scuola di Giornalismo – corso di lettura critica, scrittura creativa e grafica di base, hanno presentato il Numero zero diStudenti!, il nuovo giornalino scolastico, alla presenza della Dirigente Rachele Donnici e dell’Assessore Graziella Guido.

MIRTO CROSIA, SODDISFAZIONE ASSESSORE GUIDO:”L’ESECUTIVO HA CONTRIBUITO ALLA REALIZZAZIONE DI TRE PROGETTI”

Crediamo – dichiara Guido – che sia importante garantire la miglior offerta formativa ai nostri studenti. Per questo fin dall’inizio del nostro mandato abbiamo sostenuto e valorizzato il mondo della Scuola. Oltre alle iniziative che contribuiscono alla formazione dei giovani. Considerando quanto sia essenziale la collaborazione e il dialogo tra le Istituzioni. I progetti che abbiamo contribuito a sostenere quest’anno sono particolarmente interessanti- continua. E tendono a stimolare la fantasia, la creatività e le competenze informatiche, nel caso specifico di quelli che riguardano i ragazzi dell’Istituto comprensivo. Agendo, invece – conclude l’Assessore – in un percorso di prevenzione del disagio giovanile e nello sviluppo e affermazione della cultura della legalità, nel caso dei ragazzi dell’Istituto Don Milani.

Commenta

commenti