Home / Attualità / Mirto Crosia: partita la campagna contro l’alcolismo “Vivo al massimo 2017”

Mirto Crosia: partita la campagna contro l’alcolismo “Vivo al massimo 2017”

Mirto Crosia. Partita la Campagna di sensibilizzazione sociale e comunicazione  contro l’alcolismo Senza alcol  “VIVO al Massimo 2017”. Promossa dall’Amministrazione comunale di Crosia rivolta ai ristoratori, alle famiglie e ai giovani under 18. Dieci sane regole per non incorrere nelle sanzioni previste dalla legge 14/2017. Le regole sono riportate all’interno di un vademecum per avere rispetto della propria vita e di quella degli altri. Il vademecum è scaricabile anche dal portale istituzionale del Comune (www.comunedicrosia.it). Che in questi giorni i volontari dell’ambiente stanno distribuendo sulle spiagge e nei locali sparsi sul territorio comunale. L’importante iniziativa di sensibilizzazione, tra le poche organizzate sul tema in Calabria, è stata promossa dall’Assessorato alle Attività produttive diretto da Simona Stasi che nei giorni scorsi.

Insieme al gruppo di giovani volontari, ha fatto visita ad alcuni esercenti commerciali consegnando loro il vademecum informativo. L’adesivo di adesione alla campagna di comunicazione e sensibilizzazione sociale.

 MIRTO CROSIA: RISPETTO DELLE REGOLE

Rispettare le regole – ha ricordato l’assessore Stasi durante la visita alle attività ristorative – è un dovere di tutti. Soprattutto se in ballo c’è la vita delle nuove generazioni. Rispettare, poi, le regole imposte dalla Legge 14/2017 contro la somministrazione di alcolici ai minori di 18 anni è una norma di buonsenso trasversale che devono rispettare chi somministra alcolici ma anche le famiglie e i giovani che, adeguatamente sensibilizzati, devono prendere coscienza che bere alcol fa male alla salute fisica e sociale. Si pensi a quante vittime, ogni anno e soprattutto d’estate, miete l’alcolismo con gravi ripercussioni nella società. Ma evitare l’alcol non significa affatto rifiutare il divertimento e la socializzazione. Anzi. Si può stare bene insieme anche evitando l’assunzione di sostanze pericolose.

E a proposito – aggiunge Stasi – ho chiesto ai titolari di locali notturni di proporre ai giovani, ma non solo ai giovani, bevande e cocktail analcolici così che non si possa perdere il gusto di stare insieme ma in totale sicurezza.

 MIRTO CROSIA: MAGGIORI CONTROLLI

Si ricorda che il divieto di somministrazione di bevande alcoliche ai minori di 18 anni è legge nazionale in vigore dal 20 febbraio. Sulla Gazzetta Ufficiale del 20 febbraio scorso, infatti, è stato pubblicato il Decreto Legge 14/2017 che, all’articolo 12 comma 2, prevede appunto il divieto di somministrazione di bevande alcoliche ai minori di anni 18, modificando così l’articolo 14-ter, comma 2, della legge 30 marzo 2001, numero 125, che disponeva tale divieto solo per la vendita. Nel rispetto della normativa vigente in materia di somministrazione degli alcolici, ilSindaco Russo ha chiesto al responsabile della Polizia municipale di predisporre un servizio di controllo e monitoraggio del territorio comunale affinché si attuino tutte le prescrizioni previste dal DLgs 14/2017. 

Commenta

commenti