Home / Breaking News / Mirto Crosia, Filippelli minoranza:”L’esecutivo Russo per l’ennesima volta non ha il numero legale”

Mirto Crosia, Filippelli minoranza:”L’esecutivo Russo per l’ennesima volta non ha il numero legale”

filippelliLa minoranza del comune di Mirto Crosia, interviene con una nota stampa, riferendosi all’ultima nota emessa dalla maggioranza. “Quando non si hanno più vie d’uscita l’ultima arma di distrazione di massa resta la diffamazione. É questa la triste verità dello stallo dell’esecutivo Russo. A Crosia, infatti, da mesi si vive una situazione di precarietà amministrativa data dall’inconsistenza dell’azione della maggioranza. E dai notevoli problemi legati alla regolarità e legalità della stessa. L’ultima volta che avevamo richiesto la convocazione del Consiglio Comunale. Per discutere le importantissime questioni riguardanti l’appalto della raccolta dei rifiuti solidi urbani. La stessa Maggioranza era scappata in ritirata facendo venir meno il numero legale e dando un netto segnale che l’argomento risulta scottante”.

Era il mese di settembre 2017 e la maggioranza faceva di tutto per non discutere dei problemi legati al passaggio al nuovo gestore. Alla tutela dei lavoratori. E tutti gli argomenti collegati, ed oggi alla luce dei fatti invece di ringraziare le opposizioni per averli tolti da un così  grande imbarazzo,attaccano con i soliti metodi diffamatori. Dovrebbe invece chiedersi l’Amministrazione Comunale come mai non si è assicurata il numero legale necessario. Per tenere l’Assise pubblica e relazionare nel merito sul punto all’ordine del giorno.Che, secondo l’impostazione dell’agenzia di comunicazione istituzionale, era un’informativa della maggioranza ai cittadini. Un atteggiamento quello della CMP Agency teso a mistificare anche le evidenze documentali.

Un comportamento che sarà censurato nelle sedi opportune poiché ormai la misura è colma.

MIRTO CROSIA: SUL NUMERO DEI PRESENTI IN CONSIGLIO COMUNALE

Nei fatti il Consiglio Comunale non si è potuto svolgere poiché mancavano 5 consiglieri comunali, ed alla richiesta di rinvio della seduta da parte dei due consiglieri di opposizione Seminario e Filippelli, il Sindaco e la sua maggioranza consiliare hanno risposto con il solito atteggiamento dittatoriale, mancando di rispetto in primis ai cittadini intervenuti e poi alle autorità ed alle forze politiche che rappresentano il Consiglio stesso. Il Sindaco così ha per l’ennesima volta sfidato le opposizioni, che incassato il rigetto della richiesta di rinvio hanno mostrato al Sindaco la sua totale debolezza. Il Re è nudo!

La Maggioranza deve assicurare il numero legale in Consiglio. Questo è un segnale politico, palese a tutti i presenti, molto importante e che testimonia l’estrema debolezza di una maggioranza che si regge su un singolo numero e che non permette a nessuno nemmeno di prendere un raffreddore e saltare una seduta. Il Sindaco ha i numeri risicati ed una maggioranza traballante. Non volerlo ammettere e tentare di distogliere l’attenzione da questo problema è da irresponsabili. Una deficienza più volte manifestata nel corso degli ultimi mesi che non può essere goffamente scaricata sulle minoranze, come stanno cercando tendenziosamente di fare la maggioranza con la complicità dell’agenzia di comunicazione istituzionale.

Chiederemo con la massima sollecitudine una nuova convocazione del Consiglio Comunale sui medesimi punti ricordando al Sindaco che deve rispettare le minoranze e che gli argomenti posti all’ordine del giorno sono oggetto di discussione politica e l’ulteriore accusa strumentale mossa alla minoranza di distogliere gli impiegati comunali dal lavoro per rispondere alle richieste dei consiglieri appare un tentativo disperato di giustificare l’incompetenza e l’ignoranza in materia. Anche questa mistificazione la dice lunga sull’atteggiamento di una maggioranza ormai con l’acqua alla gola.

Commenta

commenti