Home / Breaking News / Mirto Crosia: ennesimo atto intimidatorio. Questa volta la vittima è il sindaco Russo

Mirto Crosia: ennesimo atto intimidatorio. Questa volta la vittima è il sindaco Russo

turismoMirto Crosia.Ennesimo atto intimidario ai danni delle istituzioni. Tentata violenza fisica, infatti, subita dal Sindaco Russo. Che nei giorni scorsi, così come le altre che hanno visto vittime alcuni componenti della Giunta e della Maggioranza nei mesi scorsi, hanno una chiara matrice ed un movente. “Si vuole cercare di ostacolare l’azione del Governo cittadino. L’Amministrazione comunale di Crosia ed il gruppo di Maggioranza in Consiglio comunale esprimono solidarietà e sostegno al Sindaco Antonio Russo – hanno detto. Per il grave atto intimidatorio e di tentata violenza subiti nei giorni scorsi. Negli ultimi mesi si stanno registrando atteggiamenti inqualificabili nei confronti dei componenti dell’Esecutivo. Prima l’ex assessore ai Lavori pubblici, SaverioCapristo. Poi il vice sindaco Serafino Forciniti. Oggi addirittura il Primo cittadino Antonio Russo.

MIRTO CROSIA: “NON PERMETTEREMO A NESSUNO DI FRENARE IL PROCESSO EVOLUTIVO”

Ma non ci facciamo intimorire e lavoriamo con più determinazione – continua l’amministrazione e il gruppo di maggioranza –  così che l’azione di governo prosegua in modo implacabile. All’insegna della trasparenza e della condivisione. Con l’obiettivo di giungere ad un definitivo cambiamento nella gestione della cosa pubblica.Non permetteremo a nessuno di frenare il processo evolutivo della nostra comunità.  Innanzitutto perché abbiamo dalla nostra parte il consenso ed il sostegno costante e quotidiano dei cittadini. Confidiamo, pertanto, nell’azione delle Forze dell’Ordine e degli inquirentiaffinché venga fatta chiarezza su questi atti e vengano assicurati alla giustizia quanti in questi ultimi mesi stanno attentato al sistema democratico della nostra collettività. Ed in questo siamo sicuri di avere anche il sostegno all’Opposizione consiliare.

Affinché, in un’auspicabile presa di posizione forte ed inequivocabile a difesa delle Istituzioni cittadine, contro la violenza e le intimidazione, dia valore alla ragionevolezza civica prima che ad ogni altra forma di partigianeria.

Commenti
Inline
Inline