Home / Breaking News / Minori “venduti” per sigarette e ricariche a Bisignano

Minori “venduti” per sigarette e ricariche a Bisignano

minoriAvrebbero fatto prostituire due minori. I carabinieri di Rende, su richiesta del gip di Catanzaro hanno eseguito tre misure cautelari – due in carcere e uno ai domiciliari – nei confronti di tre persone. Sono coinvolti nell’inchiesta un 51enne, un 28enne e un 36enne, tutti di Bisignano.

MINORI SI SAREBBERO VENDUTI PER CIFRE ESIGUE

Secondo le indagini, condotte dai carabinieri di Rende guidati dal tenente Fabrizio Ricciardi, i tre indagati avrebbero messo in piedi un giro di prostituzione. Approfittandosi di due minorenni, un 13enne e un 15enne. Che “vendevano” il loro corpo per motivi economici. I minori si sarebbero venduti per cifre esigue. Che andavano dalle 10 alle 20 euro e a volte per pacchetti di sigarette o ricariche telefoniche.

Fonte: Corriere della Calabria

Commenta

commenti