Home / Attualità / Minaccia dell’Europa all’Italia: aiutate il Sud o stop ai fondi

Minaccia dell’Europa all’Italia: aiutate il Sud o stop ai fondi

Poco impegno nei confronti del Sud Italia e rischio concreto del taglio ai fondi. Questa è la minaccia dell’Unione Europa nei confronti dell’Italia per lo scarso interesse verso il Meridione. A monte ci sarebbero le poche risorse destinate al sud, in barba agli accordi stipulati. L’allarme viene lanciato dalla Commissione Europea, tanto da chiedere al nuovo governo capitanato da Giuseppe Conte un’inversione ad U.

Bruxelles è stata chiara: in caso di reiterato snobismo a discapito del Meridione l’Italia rischia un taglio dei fondi che nel bilancio 2014-2020 ammontano a 29,3 miliardi di euro. L’annuncio è stato diramato nella scorsa settimana da Marc Lemaitre, direttore generale della Dg Politiche regionali, per ricordare alle autorità italiane che di questo passo si potrebbe palesare il rischio di “correzione” programma dei fondi precedentemente citati.

Come ricorda il Sole 24 Ore l’Italia è il fanalino di coda, con il 51%, per percentuale di abitanti secondi i quali i progetti finanziati con i fondi europei hanno avuto un impatto positivo sullo sviluppo dei territori, a fronte della media continentale che si attesta al 81%.

Le regione del sud rientrano in quella particolare categoria di zone a basso sviluppo e che assorbono quasi il 75% dei fondi dell’intera nazione. Le conseguenze di venire meno ad un maggiore controllo e ad una minore sensibilità sul tema sono spiegate dallo stesso Lemaitre: “a fine programma la Commissione può decidere di operare una correzione finanziaria sull’intero importo”.


Commenta

commenti