Home / Breaking News / Mimmo Bevacqua su legge Servizio Idrico

Mimmo Bevacqua su legge Servizio Idrico

mimmo bevacqua“In dirittura d’arrivo la nuova legge regionale sul Servizio Idrico Integrato”. Lo annuncia il consigliere regionale Mimmo Bevacqua, raccogliendo l’occasione offerta dalla Giornata Mondiale dell’acqua. Che si celebrerà domani 21 marzo. “La legge nasce su iniziativa della Giunta – si legge nella nota -. E si è arricchita attraverso il concreto contributo dei vari livelli istituzionali competenti. Nella Commissione che presiedo, infatti, la discussione, ampia e puntuale, è approdata alla definizione di un testo. Che ritengo risponda ai criteri di governo e gestione più avanzati in relazione al ciclo delle acque. Innanzitutto, viene istituita l’AIC (Autorità Idrica della Calabria), quale ente pubblico. Espressione di tutti i Comuni della Regione. Con la contestuale individuazione dell’ambito territoriale ottimale.

MIMMO BEVACQUA: SAVAGUALDARE IL RICONOSCIMENTO DI UN INVIOLABILE DIRITTO DELL’ACQUA

In rappresentanza degli interessi degli utenti e ai fini del controllo della qualità del servizio, presso l’AIC è istituito il Comitato consultivo degli utenti del servizio e dei portatori di interesse. Il principale obiettivo di questo fondamentale organismo sarà quello di concorrere al raggiungimento dello sviluppo sostenibile del servizio idrico integrato a livello regionale. Potendo usufruire anche di una apposita banca dati sulla gestione delle risorse idriche. Che raccoglie tutte le informazioni e i dati provenienti dalle singole gestioni e quelli prodotti dall’Autorità nazionale di regolazione del settore. La finalità complessiva della proposta di legge è quella di garantire la necessità di un consumo responsabile delle risorse idriche. In linea con uno dei punti essenziali caratterizzanti il programma del presidente Oliverio.

Salvaguardando il riconoscimento di un vero e proprio inviolabile “diritto all’acqua”. Sganciato dalla semplice dimensione di domanda e offerta. Che lo svilirebbe e lo rinchiuderebbe in una mera logica commerciale. Il concetto di acqua come bene pubblico non è negoziabile. E il prossimo, immediato passo dell’attività legislativa regionale sarà quello di porre finalmente termine alla gestione Sorical”.

Commenta

commenti