Home / Breaking News / Mimmo Bevacqua: “Giovani e migranti futuro dell’agricoltura calabrese”

Mimmo Bevacqua: “Giovani e migranti futuro dell’agricoltura calabrese”

COMUNICATO STAMPA

consigliere-bevacqua“I giovani e gli immigrati rappresentano il futuro dell’agricoltura calabrese” Ne è convinto il consigliere regionale Mimmo Bevacqua che ha partecipato stamane alla presentazione della proposta di legge “Terre ai giovani”, voluta dal consigliere Carlo Guccione.
“La proposta – spiega Bevacqua  – apre le porte alle nuove generazioni che saranno chiamate ad investire in una moderna agricoltura. E sul terreno dell’agricoltura si gioca anche la capacità della Calabria e dell’Italia tutta, di fare accoglienza e proporre modelli di integrazione e inserimento dei migranti, reali e produttivi.”
“L’agricoltura che è turismo, valorizzazione e difesa del territorio – ha proseguito l’esponente del Pd – rappresenta anche il terreno più fertile sul quale impiantare un nuovo modello di crescita e sviluppo della nostra economia”.
“Ho aderito prontamente alla proposta del collega Guccione – ha spiegato Bevacqua – perché si inquadra nel programma politico che stiamo portando avanti e che pone l’agricoltura tra i principali filoni per lo sviluppo socio-economico della nostra regione”.
“Anzi, proprio l’agricoltura – ha  proseguito il consigliere regionale –   è il settore che più di altri offre soluzioni ai conflitti e alle tensioni sociali che attraversano la nostra società. Le filiere agricole, quelle di qualità, le produzioni locali che rappresentano il tratto peculiare della nostra regione, possono tornare a rappresentare una voce importante della produzione calabrese, solo se utilizziamo le migliori risorse disponibili. E tra queste vi sono sicuramente i giovani e i migranti, entrambi in grado di guardare all’ agricoltura con approccio moderno e integrato, il solo  in grado di aumentare i livelli di qualità delle produzioni e rendere così, l’ intero settore competitivo sia sul mercato della domanda che  su quello dell’offerta di lavoro”.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*