Home / Breaking News / Mimmo Bevacqua chiede informativa su Ospedale della Sibaritide

Mimmo Bevacqua chiede informativa su Ospedale della Sibaritide

COMUNICATO STAMPA

domenico-bevacqua“Un’informativa in Consiglio regionale sulla realizzazione dell’ospedale della Sibaritide”, è la richiesta che il consigliere, Mimmo Bevacqua, rivolge al Presidente della Giunta, Mario Oliverio, dopo aver partecipato ad un incontro con operatori ed amministratori della zona.
“E’ opportuno – dichiara Bevacqua – atteso il clima di preoccupazione e allarme , per le note vicende giudiziarie che coinvolgono i massimi dirigenti della Tecnis, chiarire la vicenda relativa alla costruzione del presidio, al fine di fugare ogni dubbio e incertezza”.
“Sappiamo che il Presidente Oliverio si è già mosso in questa direzione – aggiunge il consigliere regionale – chiedendo la verifica di eventuali implicazioni sulle procedure di affidamento dei lavori di costruzione dei nuovi ospedali che dovranno essere eseguiti dalla Tecnis. Un’informativa del Presidente in Consiglio è, pertanto, più che opportuna, per rassicurare amministratori, operatori e, soprattutto, i cittadini”.
“L’ospedale della Sibaritide – conclude Bevacqua – è un’opera strategica, non solo dal punto di vista strettamente sanitario ma anche per le ricadute occupazionali e l’offerta di servizi a un’utenza che risiede su una vasta area geografica. Per questo, ritengo che la sua costruzione non possa essere oltremodo rinviata. Non si può, peraltro, continuare a lasciare questa parte del territorio cosentino in uno stato di quasi abbandono per ciò che concerne i servizi sanitari essenziali. È da anni che non si investe nelle necessarie tecnologie e nell’ammodernamento delle strutture, riversando ogni speranza in questo futuro nuovo ospedale e tralasciando le impellenti emergenze del presente. A tale scopo, inviterei il Commissario Scura ad attivarsi attraverso i suoi riferimenti sul territorio, al fine di intraprendere tutte le iniziative atte a garantire quei livelli essenziali di assistenza che ai cittadini spettano di diritto”.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*