Home / Attualità / Migranti, intimidazione alla struttura individuata

Migranti, intimidazione alla struttura individuata

migrantiNon si placa la tensione sui migranti. Intimidazione ai danni della struttura individuata per ospitare gli immigrati. Proprio nella stessa mattinata in cui era previsto il sopralluogo delle autorità competenti. Convocato un consiglio comunale straordinario e urgente.
Continua a respirarsi aria di tensione a Mandatoriccio Marina. Lo scorso lunedì 31 ottobre dinanzi alla struttura in località Le Ginestre è stato rinvenuto un ordigno rudimentale, composto da una miccia imbevuta di benzina. Ciò rende ancora più grave l’episodio, aumentando la pericolosità del gesto, è che il fatto si sia verificato nella stessa mattinata in cui si sarebbe dovuto tenere un sopralluogo di verifica delle condizioni di agibilità di quella struttura. Quest’ultimo era stato disposto dalla Prefettura di Cosenza, alla presenza di tutte le altre autorità competenti (Asp, Carabinieri, Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco e Questura).

MIGRANTI, CONVOCATA L’ASSISE

È per questi motivi, per ribadire la massima solidarietà del Consiglio Comunale, dell’Amministrazione Comunale e dell’intera comunità cittadina al Prefettura di Cosenza, garantendo e stimolando il più ampio dibattito sulla vicenda, che il Presidente Francesco Brunetti ha convocato l’assise in seduta straordinaria ed urgente per oggi, alle ore 17,30. In caso di seduta deserta il Consiglio si riunirà domani, venerdì 4, alle ore 18,30. Al consiglio parteciperanno anche i sindaci del territorio.
“Mi auguro che le indagini – dichiara il Sindaco Angelo Donnici – possano avere presto un riscontro positivo . e che vengano individuati i responsabili di questo gesto intollerabile da tutti i punti di vista. Bisogna continuare a garantire maggiore sicurezza e più controlli. in un territorio che è stato scippato dei presidi di giustizia dallo stesso Stato.

Alla Prefettura di Cosenza, che in questo particolare momento storico anche per il nostro territorio sta svolgendo con grande equilibrio un ruolo delicatissimo, ribadiremo la nostra vicinanza e solidarietà”.
Quest’ultimo episodio si aggiunge ad una purtroppo lunga serie di atti intimidatori. Di cui, come è noto, sono stati vittime in diversi momenti rappresentanti consiliari di maggioranza. E segnatamente il Primo Cittadino.

Fonte: La Provincia di Cosenza

Commenti