Home / Attualità / Mandatoriccio: Migranti, Civico consesso solidale

Mandatoriccio: Migranti, Civico consesso solidale

migranti Mandatoriccio il consiglio ribadisce la cultuta dell’accoglienza e dell’ integrazione diffusa sul territorio, senza alcuna forma di ghettizzazione. Migranti ,Massima solidarietà al Prefetto Gianfranco Tomao ed alla Prefettura di Cosenza, dopo il grave atto intimidatorio consumatosi nei giorni scorsi nella località turistica Le Ginestre, presso la struttura inizialmente individuata come location per l’accoglienza dei cittadini extracomunitari. Sono i punti condivisi in assise, convocata in seduta straordinaria. Ieri intanto il Sindaco Donnici ha deposto una corona di alloro al monumento ai Caduti, in memoria delle vittime di tutte le guerre e ribadendo il plauso e la gratitudine dell’Amministrazione Comunale e della cittadinanza a tutte le forze dell’ordine per l’insostituibile e complesso lavoro quotidiano a tutela della legalità soprattutto nelle periferie del Paese.

MIGRANTI , APPELLO DEL SINDACO DONNICI

Condividendo l’invito e l’appello di Donnici hanno partecipato e sono intervenuti al Consiglio Comunale anche i colleghi di Rossano Stefano Mascaro, le cui dichiarazioni sono state apprezzate dall’assemblea unitamente alla vicinanza che il nuovo Esecutivo della Città del Codex sta dimostrando rispetto alle esigenze ed istanze del basso jonio cosentino; i sindaci di Cariati e Terravecchia, Filomena Greco e Mauro Santoro; e rappresentanti dei Comuni di Cropalati, Calopezzati e Scala Coeli, Pietrapaola e Crosia hanno fatto pervenire messaggi di vicinanza. Il Comune e la comunità di Mandatoriccio – afferma Donnici – si ritengono parte lesa rispetto a questo atto intimidatorio che, lo ripetiamo, sarebbe potuto essere ancor più grave se solo si tiene conto che l’ordigno è stato fatto rinvenire nei pressi di una struttura e nello stesso giorno in cui si sarebbe dovuta svolgere (così come poi si è svolta) proprio presso quella stessa struttura una programmata attività di verifica congiunta coordinata dalla Prefettura di Cosenza.
Paer queste ragioni – chiude Donnici – l’Amministrazione si costituirà parte civile nel procedimento penale scaturente dalle indagini sul fatto che noi ci auguriamo possano condurre presto all’individuazione dei responsabili.

FONTE:LA PROVINCIA

Commenti