Home / Attualità / Marziale: a Corigliano-Rossano piazze vietate ai bambini

Marziale: a Corigliano-Rossano piazze vietate ai bambini

L’auspicio del Garante per l’Infanzia: «Il Comune deve spendersi per creare zone dedicate al diritto dei bimbi a giocare»

corigliano rossano“Non voglio assolutamente eludere quanto richiestomi da alcuni genitori di Corigliano-Rossano in merito al fatto che i propri bambini non possano giocare nelle piazze cittadine per disposizione comunale”. Lo afferma il sociologo Antonio Marziale, Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Regione Calabria. Che aggiunge: “Così rispondo anche al deputato Francesco Sapia, che nell’immediato mi ha consultato nel merito, con garbo ed assoluto ossequio delle regole”.

“Se in una data piazza, ma più o meno in tutte le piazze pubbliche – spiega il Garante – è fatto divieto assoluto di giocare a pallone, la regola deve essere rispettata da grandi e piccini. Non esiste una deroga per nessuno. Ma, è evidente che il Comune debba spendersi per creare zone dedicate proprio al diritto dei bambini a giocare. Se ai bambini l’intervento dei vigili deve risuonare come educazione al rispetto delle regole, all’amministrazione deve risultare come sprone a individuare zone dedicate al gioco; possibilmente in tutti i quartieri della città”.

Fonte: Corriere della Calabria


Commenta

commenti