Home / Attualità / Martilotti: si al coinvolgimento dei pescatori costieri artigianali

Martilotti: si al coinvolgimento dei pescatori costieri artigianali

martilottiSalvatore Martilotti, del Comitato “Pescatori costieri artigianali di Corigliano-Rossano”, commenta con scetticismo le notizie diffuse dalla Regione circa la partecipazione dei pescatori calabresi al “Blue Sea Land” di Mazara del Vallo. Una partecipazione che sarebbe stata un grande successo ma che, come si legge nel comunicato, non ha visto il coinvolgimento dei pescatori costieri artigianali; compresi quelli del litorale di Corigliano-Rossano. “Abbiamo solo constatato la presenza di imprese che hanno e/o stanno realizzando progetti con i fondi FEAMP/FLAG. Che, invece, dovrebbero essere destinati ad accompagnare la trasformazione della pesca costiera artigianale verso uno sviluppo inter-settoriale con ambiente e turismo; e fare dei piccoli pescatori le sentinelle del mare. L’obiettivo è fronteggiare l’emergenza plastica e l’inquinamento costiero. Per cortesia, fate informazione corretta!
Bene le iniziative degli imprenditori calabresi; bene l’accortezza a fare una buona rendicontazione accompagnata da un crono-programma meritevole di attenzione; e ancora bene diffondere notizie positive della nostra regione, ma per favore non dite che c’erano i pescatori artigianali, o peggio ancora, affermare “con grande leggerezza” che sono iniziative a sostegno della piccola pesca costiera. Forse è necessario dire che sono utilizzate le risorse finanziarie del FEAMP/FLAG per soggetti diversi dai pescatori costieri artigianali ai quali, in via prioritaria, è rivolto il programma UE? Utilizzo legittimo dal punto di vista giuridico, ma certamente non da quello etico/morale. E qui nasce la contrarietà dei piccoli pescatori del Comitato di Corigliano-Rossano perché a guidare questi programmi, a differenza di altre regioni italiane, ci sono soggetti non del mondo della pesca, ma nominati dalla politica ai quali, probabilmente, del mondo della piccola pesca non interessa nulla.
MARTILOTTI: LA PESCA COSTIERA ARTIGIANALE VA DIFESA CON CONTINUITA’
La funzione della politica è di programmare e guidare i processi. Di certo non occupare gli spazi che spettano al settore della pesca, e poi soprattutto con soggetti camaleontici buoni per tutte le stagioni politiche! Dopo aver diffuso queste notizie che noi del “Comitato pescatori costieri artigianali Corigliano-Rossano” riteniamo non veritiere, se fossimo in una regione normale, il Delegato all’agricoltura, il dirigente di settore e il presidente del FLAG di quest’area dovrebbero rassegnare le dimissioni. Noi, invece, possiamo solo continuare a ricordare alle Istituzioni e alla “Politica” che la pesca costiera artigianale va difesa con continuità. Con la raccomandazione di “navigare in un mare assicurato nell’utilizzo dei fondi comunitari”; che, alla data odierna, stanno producendo una situazione paradossale. Infatti tutti parlano di interventi a sostegno del settore ma gli unici a non accorgersi di nulla sono i pescatori costieri artigianali di Corigliano-Rossano.

E poi la storia “scolorita” del FLAG di quest’area; nato come strumento di rilancio e diversificazione delle attività in una logica inter-settoriale con ambiente e turismo, ma gestito da soggetti terzi che nulla hanno a che fare con il settore reale. Tuttavia, in questa fase molto importante per il nostro territorio, il mare e la fascia costiera possono rappresentare il motore di sviluppo del nuovo Comune di Corigliano-Rossano. I pescatori e il settore della pesca possono riacquistare centralità; soprattutto se coinvolti a governare il FLAG in questa ultima parte della programmazione 2014-2020; nell’attesa del decollo del “FLAG di Corigliano-Rossano” nella prossima.

Commenta

commenti