Home / Breaking News / Maria Josè Caligiuri: “Esclusione Wanda Ferro, sconfitta per la democrazia”

Maria Josè Caligiuri: “Esclusione Wanda Ferro, sconfitta per la democrazia”

maria-josè-caligiuri“È inaccettabile che il leader dello schieramento d’opposizione resti fuori dal nuovo Consiglio Regionale della Calabria. Wanda Ferro merita a pieno titolo, più di ogni altro, di rappresentare il Centrodestra nella massima Assise, poiché ha guidato in prima persona la coalizione nella competizione elettorale ed ha condotto una battaglia difficile con grande umiltà, coraggio e sincero desiderio di cambiamento”.
È quanto sostiene Maria Josè Caligiuri, candidata al Consiglio Regionale nell’ultima campagna elettorale nella lista della Casa delle Libertà, esponente femminile della coalizione che ha riportato più voti di preferenza nell’intera provincia di Cosenza.
“Condivido in toto la decisione assunta da Wanda Ferro di ricorrere al Tar affinché le sue ragioni vengano analizzate e accolte. Auspico che questa grave lacuna della politica venga perciò colmata dalla giustizia amministrativa. La sua assenza dal Consiglio Regionale – dichiara Caligiuri – rappresenta una sonora sconfitta per la democrazia, poiché così facendo non si dà voce e rappresentanza allo schieramento che ha preso più voti tra quelli collocati all’opposizione. Tutto il Movimento di Forza Italia e l’intero Centrodestra dovrebbero stringersi attorno a Wanda Ferro per sostenere queste sue sacrosante ragioni”.
“Condivido e apprezzo le parole del neo-Presidente Oliverio e di altri rappresentanti del Centrosinistra riferite a Wanda Ferro, attestati di stima con i quali è stato espresso il dispiacere per l’esclusione della stessa dall’Assise. Colgo l’occasione per formulare ad Oliverio – conclude Caligiuri – gli auguri di buon lavoro e la promessa, quale rappresentante del territorio della provincia di Cosenza di vigilare quotidianamente sull’attività del prossimo Governo Regionale affinché il medesimo territorio riceva le adeguate risposte che i cittadini invocano e legittimamente attendono”.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*