Home / Breaking News / Macrocioli, è polemica tra Stasi e Graziano

Macrocioli, è polemica tra Stasi e Graziano

macrocioliCrollo parete Macrocioli, nessun residente è stato abbandonato al proprio destino. L’Amministrazione Comunale ha fatto e sta facendo tutto quanto di sua competenza preoccupandosi di evitare ogni disagio. Forse incalzato da aspiranti candidati alle prossime amministrative il Segretario Questore del Consiglio Regionale Giuseppe Graziano non ha purtroppo dimostrato quella necessaria pazienza nel chiedere agli uffici comunali, prima di esprimersi, notizie e delucidazioni utili. Da parte della Giunta e della stessa Regione Calabria non c’è stato alcun atteggiamento pilatesco”. S’innesca un meccanismo polemico tra l’amministrazione longobucchese e il consigliere Graziano. Il sindaco Luigi Stasi a tal riguardo “definisce fuori luogo e artificioso l’intervento in quanto privo di ogni fondamento”. Stasi coglie l’occasione per ricordare a Graziano che per la parte sinistra del Macrocioli era già in vigore un’ordinanza di sgombero datata 1996.

MACROCIOLI, SOLO I CONSUMI A CARICO DELL’UTENTE

“Con gli ultimi avvenimenti sono state reiterate ben 10 ordinanze di cui 7 relative a magazzini e pertinenze accessorie adibiti a legnaia etc. e 3 a civili abitazioni di cui due non abitate poiché i proprietari non vivono a Longobucco, per cui hanno declinato ogni offerta di assegnazione alloggio fatta dall’ente, non avendone bisogno. Analogamente si è provveduto rispetto ai proprietari della terza unità abitativa che invece vivono a Longobucco, pur essendo proprietari di una casa di proprietà in un comune limitrofo. Anche questi ultimi – prosegue – hanno rifiutato ogni proposta fatta dagli uffici comunali. Pur tuttavia, per questa famiglia l’Amministrazione Comunale ha provveduto a requisire un alloggio popolare il cui fitto è a carico dell’ente. È lo stesso comune che ha provveduto inoltre ad imbiancare ed a sostenere dei lavori di sistemazione dell’unità abitativa per renderla a tutti gli effetti gradevole e funzionale. E sempre il comune, infine, a proprie spese ha provveduto agli allacci del gas e dell’acqua. Soltanto i consumi saranno a carico dell’utente”.

Commenta

commenti

Inline
Inline