Home / Attualità / L’UDC denuncia: «Non moriremo di Covid ma per malattie tifoidee»

L’UDC denuncia: «Non moriremo di Covid ma per malattie tifoidee»

È un attacco duro quello dell’UDC del centro storico di Corigliano nei confronti dell’Amministrazione comunale guidata da Flavio Stasi. A finire sotto la lente di ingrandimento dei centristi cittadini riguardano lo stato in cui versano i bagni pubblici: «è la dimostrazione plastica dell’incapacità politica, quindi, di chi oggi ci governa. Siamo, inutile negarlo, completamente allo sbando e tutti un po’ confusi, forse perché non vogliamo accettare e comprendere che questo falso benessere ha prodotto una generazione molto loquace e poco pragmatica e che tutti noi abbiamo avuto l’ardire di porla al governo della Città».

L’UDC continua: «Aspettare, dopo un anno, il miracolo del nuovo che avanza, ormai non ha più senso. Così come andare ai bagni pubblici. Detto ciò non possiamo indugiare oltre, quest’ amministrazione deve dare il senso politico della sua attività ed esistenza, o sarà davvero un dramma senza ritorno, partendo, appunto, dai centri storici e dai servizi pubblici, ovviamente ponendo freno a questo degrado che dilaga nell’area coriglianese. Non si chiede, quindi, una rivoluzione copernicana, culturale o popolare ma solo competenze e capacità amministrative anche solo per la cura e la manutenzione patrimoniale. Purtroppo queste qualità non si ottengono con i copia incolla ma con molta umiltà e studio e conoscendo a fondo il territorio. Urlare slogan non serve, serve fare e soprattutto far bene».


Commenta

commenti