Home / Breaking News / Lotta al randagismo a Corigliano

Lotta al randagismo a Corigliano

lotta al randagismo

Cani randagi

La lotta al randagismo si fa con atti e gesti concreti quotidiani e non con le chiacchiere e le passerelle. E’ fortemente polemico l’attacco che il Coordinatore del Movimento Centro Storico, Giorgio Luzzi, lancia nei confronti dell’esecutivo Geraci e più in particolare nei confronti del sindaco e dell’assessore all’ambiente Marisa Chiurco.  “La lotta al fenomeno randagismo – afferma Luzzi – la riduzione delle spese di mantenimento dei cani alloggiati presso il canile  si affrontano con i fatti e non con i proclami, né tanto meno con le passerelle dell’assessore e del sindaco presso il parco comunale allo Scalo. La soluzione con questi chiari di luna, assieme alla totale indifferenza e al quasi disprezzo del sindaco ai problemi seri, sollevati dal Movimento dipingono una realtà politica alquanto improvvisata, condita da rancori anche personali portati avanti da persone inesperte, improvvisate e che non accettano le critiche, anche se positive, con la conseguenza che questi soggetti sono maliziosi ed agli ordini di un uomo solo al comando.

LOTTA AL RANDAGISMO, FATTO POCO O NIENTE

Eppure l’ex on. Geraci, politico navigato, – sottolinea ancora Luzzi – al suo terzo mandato da primo cittadino, senza contare gli altri anni svolti alla opposizione in consiglio comunale ed in particolare i 5 anni da parlamentare, ha combinato poco o niente. Al pari degli altri politici, lascia in eredità a questa  sfortunata cittadina un fardello di problemi che da decenni aspettano quanto meno delle soluzioni. In questi anni, si è parlato di cane di quartiere, di incentivi per chi adotta un cane ed altre fesserie del genere, al contrario, non si parla della cosa più sensata: la sterilizzazione gratuita.  Ci dicano chiaramente il perché non si prende in considerazione tale ipotesi che al momento, tra altre tante soluzioni, canile comunale compreso, sembra la soluzione migliore, a meno che il comune, ne abbia una che faccia risparmiare le casse dell’ente, almeno lo facciano sapere!

LOTTA AL RANDAGISMO, REALTA’ DEGRADATA DA OGNI PUNTO DI VISTA

Nel frattempo le centinaia di volontari/e ed i tanti cittadini, sensibili al problema, e  con i pochi mezzi a loro disposizione ed a spese proprie fanno di tutto per alleviare, sostituendosi alle inadempienze degli organi competenti tale triste realtà, dando (a spese proprie)  un po’ di sollievo ai tanti cani randagi che animano, vicoli, strade, evidenziando le false promesse fatte fino ad oggi. Si vive in una realtà degradata da qualsiasi punto di vista la si guarda. Nel frattempo, poco o niente delle promesse dell’assessore Chiurco, crediamo in buona fede, ci dispiace dirlo, conoscendola per una persona a modo e sensibile al problema, si sono concretizzate, probabilmente, crediamo che ci sia un qualche motivo politico ed economico dietro al problema randagismo, qualcuno ci specula, evidentemente per non scontentare qualcun’altro! Perché si insiste nell’idea che Corigliano non debba avere un proprio canile? Eppure il Comune, è proprietario, seppure virtualmente di beni immobili, tra cui terreni su cui potrebbe sorgere una struttura dove ospitare questi animali.

Se il problema randagismo, – conclude Luzzi – come gli altri problemi seri che il nostro Movimento porta avanti anche da quando Geraci  alle ultime amministrazioni è stato eletto sindaco vengono puntualmente ignorati, sta a significare che lo sguardo, gli interessi, anche economici di tutta la politica, dei politici e di questa amministrazione è rivolto altrove”.

Fonte: La Provincia di Cosenza

Commenti
Inline
Inline