Home / Ambiente / Longobucco, prevenzione incendi: 14 associazioni calabresi scrivono al presidente Mattarella

Longobucco, prevenzione incendi: 14 associazioni calabresi scrivono al presidente Mattarella

longobuccoLongobucco, prevenzione incendi. L’associazione”Spegniamo il Fuoco, accendiamo il Futuro” e il  Comitato stop incendi Calabria” costituitisi appositamente, hanno inviato una lettera al presidente delle Repubblica Sergio Mattarella. Per chiedere un suo intervento per la tutela del patrimonio boschivo nazionale. Ora che gli incendi stanno devastando persino il nord d’Italia e i media nazionali ne danno ampio risalto, al sud, in Calabria, c’è chi grida giustizia e chiede prevenzione, affinché non si verifichi più il disastro ambientale ad opera di criminali che si è consumato per un’intera estate.

A sostenere l’iniziativa anche altre dodici associazioni calabresi che a vario titolo e da tempo si occupano della tutela delle bellezze naturali della regione: Wwf Calabria, Lipu Rende, Touring club Cosenza, Ecobaleno Aps, Passaggi, Cai “G. Barracco”, Vas onlus Rende, Forum ambientalista, Sotto le betulle, Caduceo Lamezia Terme, BaticòsBio distretto alto tirreno cosentino e Protezione civile Falchi del Pollino G.P. onlus.

LONGOBUCCO, PREVENZIONE INCENDI: SI TENGA ALTA L’ATTENZIONE SULLA CALABRIA

“In cinque punti abbiamo elencato le criticità che hanno portato al dilagare di questi crimini. Che consideriamo un vero attacco allo Stato, e al fallimento del piano anti incendi regionale – spiega Vincenzo Romano, presidente di ‘Spegniamo il fuoco, accendiamo il futuro’. Dalla mancata applicazione della legge 353/2000, alla quasi estinzione degli operai dediti alla prevenzione e sorveglianza e allo spegnimento dei fuochi da terra. Fino ai disastri organizzativi a seguito della legge Madia”. “Auspichiamo che il presidente Mattarella voglia sin da ora supportarci – aggiunge Romano. Stimolando anche in Calabria, dove hanno perso la vita delle persone, l’attenzione dei media nazionali e della politica su questo problema che mette a rischio non solo il patrimonio boschivo. Ma anche la vita di molti esseri umani e animali”.

 

 

Commenta

commenti