Home / Attualità / Bonifica e stoccaggio amianto, l’ipsia di Cosenza visita l’impianto Ecoross

Bonifica e stoccaggio amianto, l’ipsia di Cosenza visita l’impianto Ecoross

ecorossRimozione, trasporto e stoccaggio dell’amianto. L’azienda Ecoross apre le porte dell’impianto presente presso la sede industriale di contrada Sant’Irene di Rossano. Ad accogliere la scolaresca, classi IV e V dell’Istituto Superiore Professionale “G. Marconi” di Cosenza.

I vertici di Ecoross l’amministratore unico Walter Pulignano e il Procuratore Eugenio Pulignano. Unitamente allo staff composto da Cinzia Traino e Flavia Pulignano. Che hanno accompagnato il corpo docente e gli studenti nella fase illustrativa dell’azienda e dell’impianto di lavorazione.

Tra i presenti il Presidente del comitato provinciale dell’Osservatorio Nazionale Amianto Ing. Giuseppe Infusino. In prima linea nella battaglia rivendicativa presso gli organi preposti al fine di abbattere i costi di bonifica. Attraverso la richiesta di incentivi dello Stato a beneficio delle fasce di reddito più basse e delle aziende in difficoltà.

A tal riguardo l’Osservatorio ha presentato una serie di proposte accolte dalla Regione Calabria.

BONIFICA E STOCCAGGIO AMIANTO

DATI ALLARMANTI. Il fenomeno è di dimensioni notevoli: dall’ultimo censimento (2016) effettuato dalla Regione Calabria attraverso il “telerilevamento”. Sono stati riscontrati circa 11mila metri quadri di amianto. Un dato che, tra l’altro, tiene conto solo delle coperture in eternit tra uso civile e capannoni industriali. «C’è dell’invisibile, di cui non si ha contezza» – afferma il Presidente Infusino.

PRESENTAZIONE. Il responsabile settore commerciale e amianto di Ecoross, Gianfranco Forciniti. Ha spiegato le varie fasi di lavorazione, articolate e complesse, dell’intero ciclo. La tipologia di rifiuto d’altronde lo richiede, poiché rientra nella fascia dei rifiuti ritenuti “pericolosi”. L’amianto si suddivide per tipologie a ciascuna delle quali corrisponde un codice.

L’ing. Salvatore Aloe, dello staff di Ecoross, ad integrazione ha anche illustrato ai ragazzi il funzionamento dell’impianto di selezione.

FASE OPERATIVA. Preliminarmente viene effettuato un sopralluogo presso i siti interessati. Tale attività istruttoria e preparatoria è necessaria al fine di trasmettere presso gli enti competenti la richiesta per il conseguimento dei pareri favorevoli.

Segue il confezionamento dei materiali contenenti amianto e la messa in sicurezza dei luoghi. Allo scopo di evitare eventuali dispersioni di fibre di amianto. Fatto ciò, si procede al carico e trasporto presso l’impianto di stoccaggio provvisorio di Contrada Sant’Irene. Infine, il trasferimento nelle discariche convenzionate autorizzate. Le fasi di trasporto sono costantemente monitorate mediante la centrale operativa dei rifiuti.

L’IPSIA DI COSENZA VISITA L’IMPIANTO ECOROSS

ecorossAZIENDA-PUNTO DI RIFERIMENTO. L’amministratore unico di Ecoross Walter Pulignano si dice soddisfatto di come l’Azienda oggi risulti un punto di riferimento anche formativo per le varie scolaresche presenti sul territorio. «Dalla teoria alla pratica. Gli studenti possono riscontrare nella realtà le fasi di conoscenza nozionistica assunte nel corso dei progetti mirati all’educazione ambientale. Numerose – afferma Pulignano – sono le richieste che giungono anche da oltre regione. Ciò non può che riempirci di orgoglio».

SPECIALIZZAZIONE. La Ecoross ha deciso nel corso degli anni di investire anche nel settore dell’amianto, con personale qualificato e specializzato. «Lo smaltimento e la bonifica dell’amianto- conclude il manager aziendale- rientra nell’ambito di una serie di servizi che l’azienda eroga in materia di igiene urbana, attenendosi scrupolosamente ai tre sistemi di sicurezza certificati».

OBIETTIVO FORMATIVO. La visita degli studenti rientra nell’ambito del progetto di “Conoscenza e tutela della salute ambientale”, il cui referente è la Prof.ssa Rosaria Ginese, soddisfatta di quanto i ragazzi hanno appreso nel corso della visita guidata.

SANZIONI. Pesanti sanzioni amministrative e contestazioni di rilievo penale sono previste nel caso di rimozione e deposito illecito di amianto se non espletato da soggetti autorizzati.

EFFETTI. Le fibre di amianto costituiscono fonte di neoplasia. Il tasso di mortalità risulta elevato. Da qui la necessità di una maggiore azione di sensibilizzazione e di informazione sul tema.

Commenta

commenti