Home / Attualità / Linea ferroviaria Sibari-Catanzaro Lido chiusa in estate per lavori

Linea ferroviaria Sibari-Catanzaro Lido chiusa in estate per lavori

Il tratto della ferrovia jonica che collega Catanzaro Lido a Sibari resterà chiuso nel periodo estivo dal 12 giugno al 9 settembre per l’esecuzione di alcuni importanti lavori di ammodernamento della linea. Sindaci e rappresentanti sindacali dei paesi interessati sono stati ricevuti in un incontro presso la Prefettura di Crotone. Dove hanno ricevuto adeguate risposte da parte dei rappresentanti di FS-RFI e Trenitalia in merito ai disagi che saranno arrecati all’utenza. E che dovranno essere quanto più possibile ridotti al minimo.

40 MILIONI DI INVESTIMENTO

RFI ha comunicato che per l’esecuzione dei lavori saranno spesi circa 40 milioni di euro. Che comprendono, oltre alla messa in sicurezza della galleria di Cutro, anche l’eliminazione dei passaggi a livello ancora rimasti nel tratto della fascia jonica interessata. Oltre all’ammodernamento dei binari. Trenitalia ha tenuto a precisare che nessun disagio sarà inoltre arrecato alle maestranze. E che tutte le soluzioni tecniche che saranno messe in atto sono state preventivamente concordate con la Regione Calabria. Sia per quanto attiene al periodo di esecuzione dei lavori, sia per quanto attiene al numero delle corse e agli orari di partenza dei pulmann sostitutivi. Su quest’ultimo punto i sindaci hanno chiesto che vengano utilizzati pulmann moderni e confortevoli quali mezzi di trasporto alternativi. E sia data la più ampia divulgazione degli orari di partenza dei medesimi mezzi.

INTANTO SI CONTINUA A VIAGGIARE SU GOMMA

Un intervento necessario, quello previsto da FS-RFI e Regione Calabria. Si aspetta, però, che nel frattempo la stessa Regione Calabria non si faccia cogliere impreparata e disegni un piano dei trasporti più adeguato alle reali esigenze dei cittadini dell’intersa costa jonica che preferirebbero ritornare a prendere il treno. Per non essere costretti a viaggiare, soprattutto per lunghi spostamenti, in autobus scomodi e lenti.


 

Commenta

commenti