Home / Breaking News / Lettera aperta della Cgil Pollino al ministro Delrio

Lettera aperta della Cgil Pollino al ministro Delrio

COMUNICATO STAMPA

cgilEgregio  Sig. Ministro,
finalmente dopo 150 giorni dalla tragedia del Viadotto Italia, dove ha perso la vita il giovane Lavoratore Adrian Miholca, viene in visita a Mormanno, più volte sollecitato dalla Cgil anche con iniziative eclatanti, da ultimo quella del 1 maggio tenutasi a  Laino Castello.
Dopo 150 giorni, grazie al lavoro della Procura della Repubblica di Castrovillari e Catanzaro, ma soprattutto grazie al lavoro incessante dei lavoratori che hanno lavorato giorno e notte, sarà possibile l’apertura parziale nei prossimi giorni giorni del viadotto Italia.
Vorremmo ribadirLe che la Calabria non ha più tempo per nuovi annunci, di aspettare cabine di regie mai fatte, di essere definita figlia prediletta e madre di tutte le battaglie, per poi essere isolata da un Governo tra i più  antimeridionalisti della storia repubblicana.
Le chiediamo Sig. Ministro, nella visita annunciata per venerdì, risposte concrete circa gli investimenti per il sud, l’impegno che il Governo vorrà assumere nei prossimi giorni per il  macrolotto n.3 Roseto-Sibari della Strada statale 106 che rischia di saltare per via di spinte e di lobby che ne vogliono impedire l’intero investimento. Così come vorremmo sapere se mai un giorno la Calabria potrà fare parte del corridoio ferroviario europeo Berlino-Palermo T1 entro il 2020, che al momento si è fermato a Salerno ed avere l’alta velocità o capacità. Così come vorremmo sapere se sono previsti interventi per il tratto ferroviario, quello Jonico, che a tutt’oggi nell’anno di grazia 2015 non è ancora elettrificato  ed è a binario unico.
Così come vorremmo sapere se nel piano della logistica nazionale, la Calabria potrà assumere un ruolo da protagonista nell’euromediterrano e verso i Balcani, con il suo sistema portuale ed aeroportuale, oppure si dovrà rassegnare ad essere solo la stampella d’Italia e dell’Europa per l’accoglienza di migliaia di migranti che scappano dalle guerre e dalla fame. Cosa questa che caratterizza l’umanità e la capacità di accoglienza del popolo meridionale tutto, che ci rende orgogliosi, che ci fa onore e che da onore all’Italia.
Venerdì a Mormanno ci sarà poco da rassicurare se il Governo non riuscirà a dare risposte concrete al sud con risorse economiche ed investimenti pubblici su infrastrutture ed attività produttive.
Evitiamo Sig. Ministro il solito rito dei tagli di nastri e champagne, ringrazi invece la famiglia del giovane Adrian Miholca che ha perso la vita sul lavoro a 24 anni e tutti i lavoratori dei cantieri che con abnegazione e largo anticipo stanno completando i lavori, sfatando un giudizio ostile che solitamente si ha del sud, della Calabria e dei Calabresi. Anche qui, in questa terra bella e disgraziata abbiamo fatto i compiti a casa, abbiamo imparato ad essere “normali” e addirittura efficienti. Si cambi verso Sig.Ministro……in Calabria non c’è più tempo e non c’è nulla da festeggiare.

Angelo Sposato  Segretario generale Cgil Pollino Sibaritide Tirreno


Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*