Home / Attualità / Lettera aperta del comitato precari di Rossano al sindaco Antoniotti

Lettera aperta del comitato precari di Rossano al sindaco Antoniotti

COMUNICATO STAMPA

contratti-lsu-lpuDovunque e comunque si manifesti l’eccellenza, subito la generale mediocrità si allea e congiura per soffocarla , diceva Arthur shopenhauer. Già proprio così, perché di mediocrità si tratta quando si parla di politica. Una politica abietta che vivendo nell’ombra del male,ha sempre forgiato una sorta di serpenti,di conigli viscidi  bastardi pronti a qualunque compromesso pur di mantenere le loro squallide posizioni e/o poltrone e di salvare le loro facce simile a sepolcri imbiancati. Qualcuno la definì la politica del fare, si, ma del fare solo i propri interessi , gli interessi di parenti ed amici, sicuramente NON per il bene comune, per il bene della comunità e della collettività, per il bene dei cittadini onesti, nulla di tutto questo. Ed ecco che poi quando spunta l’eccellenza , QUALCUNO come il sindaco di questa città, che ha sempre avuto a cuore il bene del proprio paese, dei propri cittadini, l’amor patria, viene subito soffocato. Non gli si può recriminare nulla a questo SINDACO, se non quello di aver fatto il sacro santo dovere di primo cittadino nel difendere coi i denti e le unghie il suo territorio, la sua città che fortemente lo ha votato. Caro SINDACO, hai governato in un periodo di grande austerità sotto ogni punto di vista, ricordiamo la questione Bucita, il Tribunale, l’Ospedale, non ultima l’alluvione del 12 agosto e l’annosa questione dei 150 precari lsu-lpu nella quale, ti sei esposto sempre in prima persona, dimostrando sempre la tua vicinanza e sostegno a questa categoria, anticipando somme, presiedendo riunioni, mediando con sindacati, sindaci, prefetti, assessori e presidenti regionali per dare dignità a questi lavoratori i quali hai sempre considerato parte integrante della macchina comunale. Hai governato anche in un periodo di austerità politica, perché chi ti doveva stare vicino, chi si doveva ritagliare un posto per aiutarti non lo ha fatto, anzi, ti ha remato contro, specie nella questione lsu-lpu, ed i risultati di questo contrasto si sono materializzati in questi giorni  sfiduciandoti  vigliaccamente, che a confronto, nei riguardi di questi personaggi anche Giuda Iscariota stesso sarebbe risultato più onesto.

Ma ripetiamo, tutto questo è il gioco sporco della politica, lo sappiamo bene noi e lo sa bene anche lei. Lei caro sindaco avrebbe dovuto disfarsi prima di certe zavorre che le erano d’intralcio, una palla al piede che non le hanno permesso di lavorare al meglio, come lei avrebbe voluto, ma lei SINDACO non se l’è sentita, perché è troppo onesto, è troppo sincero, è troppo leale, è troppo buono e purtroppo queste virtù non sono apprezzate da una società dedita a fare i suoi sporchi affari, così gliel’hanno fatta pagare a caro prezzo, gliel’ha fatta pagare quella classe politica e dirigenziale a cui piace circondarsi di gente stupida e mediocre proprio perché poi ad ogni comando bisogna rispondere.. signor si!!! In ogni caso Lei Sindaco esce sicuramente a testa, gli attestati di stima dei cittadini rossanesi onesti sono tanti così come gli attestati di stima dei lavoratori precari del comune di rossano ex lsu-lpu.

Coordinamento precari ex lsu-lpu rossano 

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*