Home / Attualità / L’associazione “AsSud” sulla viabilità delle strade Provinciali 191 e 250 Rossano-Paludi, Paludi- Cropalati

L’associazione “AsSud” sulla viabilità delle strade Provinciali 191 e 250 Rossano-Paludi, Paludi- Cropalati

318398_lavoristrade_ralfCon la nota prot. 543 del 12/01/2016 prot. N. 778 il Presidente Mario Occhiuto rispondendo alla missiva dell’U.Di.Con dell’08/01/2016 prot. 05/PNL/16 richiedeva al dirigente del settore viabilità di relazionare celermente sulle argomentazioni dedotte, nonché di adottare gli opportuni provvedimenti al fine di garantire il diritto alla mobilità e la sicurezza pubblica alle SP 191 E SP 250, strade che collegano Rossano a Paludi e, Paludi – Cropalati.
A distanza di 4 mesi l’amministrazione provinciale non è stata in grado ancora oggi di eseguire alcun lavoro su tali strade: ancora oggi la viabilità è molto difficoltosa e mette in serio pericolo l’incolumità dei cittadini, crea enormi disagi alla già precaria economia agricola di un paese come Paludi (che si ricorda essere, come risulta dall’ultimo censimento, il paese italiano con il più alto tasso di spopolamento). Inoltre è a serio rischio il transito dei mezzi sanitari e più in generale i mezzi di soccorso, si immagini quali potrebbero essere le conseguenze per i cittadini!
Sicuramente il comportamento della provincia di Cosenza, di Mario Occhiuto e dei dirigenti responsabili della viabilità provinciale incentivano sempre più l’abbandono di questi piccoli centri come Paludi, considerato una periferia di Rossano: sono anni che la Provincia di Cosenza non esegue misure strutturali tali da garantire una viabilità sicura!
Situazione che potrebbe resa ancora più grave dalla suggestiva ipotesi di soppressione delle guardie mediche.
L’associazione “AsSud”, rappresentata dal presidente Onofrio Sommario, auspica che al più presto vengano messe in atto misure in grado di risolvere la problematica della viabilità e le esigenze di una popolazione sempre più abbandonata al proprio destino.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*