Home / Attualità / L’Aletti di Trebisacce sfida il Covid con nuove aule e tornelli

L’Aletti di Trebisacce sfida il Covid con nuove aule e tornelli

L’Istituto superiore di Trebisacce si dimostra all’avanguardia nella battaglia per arginare il più possibile il contagio da Covid-19

Tornelli e termoscanner agli ingressi della scuola e due aule costruite ex novo: l’Istituto “Ezio Aletti” lancia la sua sfida all’emergenza Covid-19 e tutela così la salute degli studenti e del personale garantendo pure la corretta didattica in presenza nel segno della sua nobile tradizione di punto di riferimento per la formazione nell’Alto Jonio.

La sfida è anche più ardua nel plesso centrale di Trebisacce. Qui, infatti, l’Aletti è ospitato nell’omonimo Palazzo già stabilimento balneare di fine ‘800. Si tratta di un edificio storic per il quale gli interventi di adeguamento alle norme anti-Covid hanno esatto un impegno maggiore. A tal pro’, va sottolineato ed encomiato l’apporto da parte dell’Amministrazione Provinciale di Cosenza e in particolare del presidente Francesco Iacucci nonché del direttore dei lavori, ingegnere Gianluca Straface. L’adeguamento anti Covid-17 è iniziato nei mesi scorsi sotto la guida dell’ex D. S. dottoressa Marilena Viggiano e si è brillantemente concluso sotto l’egida del nuovo D. S., ingegnere Alfonso Costanza.

Gli spazi interni di Palazzo Aletti sono stati utilizzati secondo la normativa, garantendo distanze e quant’altro essenziale a non correre alcun rischio in questo periodo di emergenza. È presente la segnaletica circa come muoversi in sicurezza e, oltre che in ogni aula, ovunque ci sono dei punti di igienizzazione contro ogni rischio di infezione. Due gli ingressi previsti da quest’anno: quello tradizionale di via Aletti, lato stazione ferroviaria, e l’altro di via Spalato. In entrambi i casi sono operativi dei tornelli forniti di termoscanner fissi funzionanti per mezzo di micro camere capaci di rilevare sia la temperatura di chi accede nonché il corretto uso delle mascherine. Due nuove aule in più sono state realizzate: una al secondo piano per il Corso Chimico e una a pian terreno per il Corso Socio Sanitario.

«Pure stavolta l’Aletti non si fa cogliere impreparato e garantisce al suo territorio la certezza di poter disporre di un Istituto Scolastico sicuro e all’avanguardia – è il commento del D. S., ing. Alfonso Costanza – Siamo soddisfatti e orgogliosi del risultato del nostro lavoro: non è stato facile accogliere il personale, gli alunni e i genitori in piena sicurezza ma ci siamo rimboccati le maniche e anche i più ardui ostacoli sono stati superati con brillantezza. Ora non mi resta che augurare a tutti, una volta di più, un sereno e proficuo buon Anno Scolastico convinto che sì, andrà davvero tutto bene».


 

Commenta

commenti