Home / Attualità / La Serie A a Rossano: su iniziativa de L’Eco il Chievo sbarca sullo Jonio

La Serie A a Rossano: su iniziativa de L’Eco il Chievo sbarca sullo Jonio

di SERAFINO CARUSO

980a2d2339521482ad85bf94fa2d7b7c_169_lQuando le notizie da dare, o da commentare, sono di quelle belle, ci proviamo più gusto. Questa nostra terra di Calabria ha bisogno di notizie belle. Ha bisogno di una rinnovata, e forse mai avuta, “cultura del bello”.
Una di queste notizie è che a Rossano arriva il calcio di Serie A, seppur per una gara amichevole: venerdì 13 novembre, infatti, il Chievo Verona giocherà un’amichevole allo stadio “Stefano Rizzo” con una Rappresentativa delle due squadre di calcio di Rossano e Corigliano, rispettivamente il Piragineti Rossano ed il Corigliano Schiavonea.
Amichevole pensata nello scorso mese di agosto, subito dopo i giorni tremendi dell’alluvione che hanno sconvolto Rossano e circondario. Un’amichevole di solidarietà.
Per non far dimenticare quelle drammatiche giornate, che hanno colpito tutta Italia e non solo. Tra cui la dirigenza del Chievo Verona.
Che ha accolto di buon grado l’invito di partecipare ad una gara amichevole, a Rossano. Le immagini di quei fiumi d’acqua, delle case sventrate, delle automobili trascinate via dalla forza prorompente dell’acqua, di persone che hanno perso tutto, hanno fatto il giro del mondo.
Già in quei giorni diverse furono le iniziative di aiuti umanitari per le persone colpite.
Adesso quest’altra bella iniziativa che vede tra gli organizzatori il Comitato locale di Rossano della Croce Rossa Italiana, l’Associazione “Vincenzino Filippelli”, L’Eco dello Jonio, il Comune di Rossano, con le due squadre locali di calcio maggiormente rappresentative di Rossano e Corigliano. Ed una squadra di calcio di livello nazionale, il Chievo appunto, sposare in pieno la causa della solidarietà.
L’incasso della vendita dei biglietti della gara amichevole fra Chievo e Rappresentativa Rossano-Corigliano sarà devoluto in beneficenza. Comprando e donando una tenda di Posto Medico Avanzato alla Croce Rossa di Rossano.
Si tratta di una struttura sanitaria di primo intervento da utilizzare per le attività di emergenza.
La restante parte dell’incasso verrà devoluta all’Associazione rossanese “Vincenzino Filippelli”, che sostiene diverse attività in favore dei bambini malati di tumore.
Il costo dei biglietti sarà di 5 Euro per tutti i settori dello stadio. Che può ospitare circa 4000 persone.
Si conta di riempirlo in ogni ordine di posto, in maniera tale da poter devolvere in beneficenza una somma importante. Con i vari Pellissier, Pepe, Gamberini, Dainelli, Paloschi, Meggiorini e tutti gli altri. Guidati, ovviamente, dal tecnico gialloblu Rolando Maran. La partita tra Chievo e Rappresentativa “Rossano-Corigliano” inizierà alle 15 di venerdì 13 novembre. E sarà preceduta da una esibizione di giovani di alcune scuole calcio del circondario. I biglietti sono già disponibili in prevendita presso diversi punti su Rossano: Bar Capani (Via Galeno), Tabacchi Galeno (Via Galeno), Edicola La Drogheria (Piazza Steri, centro storico), By The Way (Piazza Bernardino Le Fosse), Ortofrutta Romano e Petrelli (Via Arno), Bar Hops (Viale Sant’Angelo), Bar Viale (Viale della Repubblica), Glamour (Via Torre Pisani), Circolo Prais Gallina (C.da Piragineti), Bar Boston (C.da Piragineti). A Corigliano, invece, presso il Bar Babà ed il Movida Beach. Oltre che, il giorno stesso della partita, ai botteghini. Ci si aspetta davvero il pienone, per questa gara amichevole, che resterà nella storia del calcio rossanese. Soltanto un’altra volta, infatti, una squadra di Serie A era venuta a giocare un’amichevole a Rossano: il Catanzaro di Palanca e compagni, che nella primavera del 1980 al “Maria De Rosis” affrontò in amichevole la Rossanese di mister Spelta (allora in quarta Serie), con risultato finale 2-2. Ora il Chievo del Presidente Luca Campedelli. Un momento importante per l’area urbana Corigliano-Rossano. Un territorio che coeso può arrivare in alto. Perché no, un giorno anche nel calcio. Attesi a Rossano il Presidente della squadra gialloblu, Luca Campedelli, e del suo staff dirigenziale. Altri personaggi potrebbero essere presenti alla manifestazione. Che si pone come primo passo di un cammino che potrebbe portare ad altro. Altre manifestazioni del genere. Utili a far conoscere questo territorio. Ed il cuore grande della sua gente. Accogliamo, quindi, l’arrivo della simpatica squadra veneta con tutto l’affetto ed il calore di cui siamo capaci.

Un collegamento, questo con il Chievo Verona, da far crescere, fruttare. E chissà, magari, un giorno vedremo anche il calcio locale arrivare a traguardi più prestigiosi di quelli toccati nel corso della sua storia (tra Corigliano e Rossano non si è mai andati oltre la Quarta Serie o Serie D). Il patron della Paluani conoscerà il nostro territorio. Ne apprezzerà certamente le innumerevoli bellezze, ricchezze, particolarità.Ed allora partecipiamo in tanti. Anche perché sono previsti arrivi di spettatori da tutta la Provincia di Cosenza. Con tanti giornalisti e testate. Non ci resta che aspettare il 13 novembre ed accogliere il Chievo. Allora, evviva la solidarietà, evviva il Chievo, evviva lo sport.

Commenta

commenti

3 commenti

  1. Antonelli Lorenzo

    Complimenti per l’iniziativa,sarà una bellissima manifestazione di gioia e di solidarietà.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*