Home / Attualità / La Polizia di Stato incontra i giovani: “Stop alla violenza di genere”

La Polizia di Stato incontra i giovani: “Stop alla violenza di genere”

rossanoPolizia di Stato,Cosenza. In occasione della Giornata Internazionale della lotta contro la violenza  di genere, il Questore di Cosenza dr. Giancarlo Conticchio vuole affermare la vicinanza della Polizia di Strato alle donne, sempre più  vittime di violenze e soprusi.  La Questura di Cosenza – Ufficio Relazioni Esterne – sempre impegnata nel sociale, continua a profondere il proprio impegno a tutela dei cittadini. In particolare delle fasce più deboli. Allo scopo di informare e  sensibilizzare le nuove generazioni sul sempre più dilagante fenomeno della violenza di genere, e nell’ambito delle iniziative rivolte agli studenti ed ai loro insegnanti, domani 24 novembre la Questura di Cosenza ha organizzato presso il Liceo Scientifico Statale “G.B. Scorza”  di Cosenza, un incontro dal tema “Stop alla violenza di genere”.

POLIZIA DI STATO: L’EVENTO VUOLE FAVORIRE IL CONFRONTO TRA GIOVANI E LA POLIZIA 

L’evento vuole inoltre favorire il confronto tra i giovani e la Polizia di Stato, dando ai ragazzi spunti di riflessione su questioni fondamentali per la loro formazione, quali la cultura dell’affermazione dei diritti e del rispetto delle regole. Nel corso della manifestazione, che si concluderà con un dibattito ed al quale parteciperanno medici e psicologi della Polizia di Stato e non, i ragazzi avranno modo di esprimere pensieri e considerazioni sull’argomento, esponendo quesiti ed eventuali perplessità. Saranno altresì affrontati gli aspetti strettamente connessi all’attività che la Polizia di Stato quotidianamente svolge nel contrasto al citato fenomeno e verranno, inoltre, fornite informazioni sugli strumenti di tutela e sui recenti dispositivi normativi.

A questa speciale occasione  sono stati invitati a partecipare anche gli studenti dell’Istituto Tecnico Industriale “A. Monaco” e  dell’Istituto di Istruzione Superiore “Pezzullo”.

Commenta

commenti