Home / Attualità / La Lega sta assediando il Palazzo. Nuovo attacco di Lamenza a Stasi: «Chiacchiere e distintivo»

La Lega sta assediando il Palazzo. Nuovo attacco di Lamenza a Stasi: «Chiacchiere e distintivo»

Il coordinatore leghista: «Sulla questione dei due lavoratori dell’indotto Enel, il Comune non ha prodotto un bel nulla»

Nelle ultime settimane si registra un attacco mirato, forte e durissimo del coordinamento ionico della Lega nei confronti del sindaco di Corigliano-Rossano, Flavio Stasi. Prima la manutenzione della città, poi la gestione dell’emergenza covid, poi ancora la questione del depuratore di Sant’Angelo e, oggi, l’ultimo affondo in ordine di tempo sulla questione lavorativa dei due lavoratori dell’indotto Enel. Che stanno scendendo dalle ciminiere ma con l’amaro in bocca (leggi anche Protesta Enel: i due lavoratori scendono dalle ciminiere. Trovato l’accordo – GUARDA VIDEO).

Una situazione che è diventata l’ennesimo chiavistello leghista per lanciare strali contro il “Sindaco Conte Stasi” (la similitudine sarebbe nella equivalente chiave di lettura del modo di gestire la vita democratica che avrebbero il primo cittadino ed il presidente del Consiglio dei ministri) e, questa volta, anche contro l’assessore comunale al lavoro Tatiana Novello.

«Il sindaco Conte Stasi e l’assessore residente nella protezione civile – scrive Paolo Lamenza – hanno comunicato che l’Enel per i due lavoratori saliti sui turbogas da giorni, ha efficacemente proposto un mese, 1, leggasi uno mese di lavoro fino al 31 luglio 2020. Poi si faranno corsi di formazione per i futuri lavori di una centrale chiusa ed in disarmo. Insomma l’Enel pare abbia detto alla richiesta di incontro: Novello chi? Grande comunicato stampa ricco di chiacchiere rilasciate dall’Assessore seduta al “tavolo del perditempo”, con i sindacalisti rassegnati ad ascoltare il nulla, lo zero assoluto».

Cosa avrebbe prodotto questo tavolo? «I lavoratori restano sulle ciminiere (anche se stamattina sono scesi giù) ed il Signor Conte Sindaco cerca di spostare l’attenzione della gente dall’altro fallimento da lui realizzato: un assurdo centro Covid 19 mai partito che crea solo problemi ed ha solo fornito un posto di lavoro ad un congiunto di un consigliere di maggioranza».

«Per mascherare il fallimento Stasi nel “nulla da dirvi serale” – precisa ancora il coordinatore della Lega – parla di immondizie, di fallimento degli altri parlando per ore con il solo risultato di addormentare la gente. Continua il logoramento della città unica con una disgregazione assurda del tessuto sociale mortificato da una gestione ferma su buche stradali, con interruzioni giornaliere della fornitura di acqua potabile, con cani randagi dei quali secondo alcuni parleremo nelle scuole per sensibilizzare a settembre gli alunni. Intanto i cani passeggiano indisturbati senza mascherine per mordere meglio».

«Ultima domanda: quelli che aspettano il bonus governativo per fare la spesa – questo l’affondo finale – quanto devono attendere Signor Conte Sindaco? Lo sa che mangiano pure loro due volte al giorno e al 27 non vanno in banca a riscuotere? In tanti hanno mutuato il motto di Al Capone del film “Gli Intoccabili”: tutto chiacchiere e distintivo».


Commenta

commenti