Home / Attualità / La gente vuole tornare a vivere. Sant’Angelo che brulica tra attenzione e responsabilità

La gente vuole tornare a vivere. Sant’Angelo che brulica tra attenzione e responsabilità

Nel pomeriggio di ieri, come succede da due domeniche, il lungomare Sant’Angelo sta tornando alla normalità tra pedoni e bar aperti

A Corigliano Rossano, soprattutto nelle zone marine di Sant’Angelo e Schiavonea, le persone hanno tanta voglia di tornare alla vita pre-Covid. Quasi come se fosse un premio, i cittadini stanno assiepando – nel rispetto delle norme anti-contagio – i loro luoghi preferiti.

Le immagini fanno riferimento al pomeriggio di ieri, 2 giugno e Festa della Repubblica, con il lungomare rossanese preso da assalto da pedoni e da automobili. Il dato da non sottovalutare è chiaro: la gente ha necessità della normalità tra un aperitivo, un gelato e un po’ di relax su di una panchina.

La Calabria è da sei giorni ferma a zero casi, i tamponi si stanno effettuando e questa terra, con i suoi abitanti, ha dimostrato grande maturità e senso di responsabilità. Quindi, guai ai gufi che sui trespoli contano i metri di distanza, la qualità dell’allaccio della mascherine e il numero di contatti tra persone che vogliono soltanto rigenerarsi con il tepore di questa tarda primavera calabrese.


Commenta

commenti