Home / Attualità / La comunità di Calopezzati dona un Monitor Multi parametrico all’Ospedale di Rossano

La comunità di Calopezzati dona un Monitor Multi parametrico all’Ospedale di Rossano

Acquistati anche quattro carrelli ospedalieri

calopezzatiGrazie alle donazioni di tanti fedeli e amici appartenenti alla comunità di Calopezzati, è stato possibile acquistare e donare all’Ospedale Giannettasio di Rossano un Monitor Multi parametrico completo, di ultima generazione utile al controllo dei parametri vitali dei pazienti e ben quattro carrelli servitori ospedalieri in acciaio Inox. L’idea della raccolta fondi, a cui in tanti hanno partecipato dimostrando una particolare sensibilità e vicinanza all’Ospedale, è stata del Sig. Giuseppe Gigliotti, economo della Parrocchia. Con entusiasmo hanno subito aderito anche il Parroco della Parrocchia di Santa Maria Assunta in Calopezzati (Cs), don Nicola Alessio e il Sindaco di Calopezzati (Cs) Sig. Franco Cesare Mangone. Promotori e attuatori di un progetto che in solo pochi giorni ha visto concretizzarsi la cifra non solo per l’acquisto del Monitor ma anche di quattro carrelli ospedalieri, raccogliendo in totale Euro 10.475,26.

Un forte ringraziamento, dunque, a coloro che hanno sostenuto questa iniziativa e con la loro donazione generosa, hanno reso più facile il raggiungimento dell’obiettivo prefissato che in accordo con il Direttore del reparto di Terapia Intensiva dr. Vulcano Angelo Giuseppe si è concretizzato in apparecchiature di cui avevano bisogno e di immediata esigenza. La Comunità parrocchiale ha altresì intensificato e moltiplicato, in questo tempo di pandemia, l’attenzione verso le difficoltà economiche delle famiglie disagiate del territorio, offrendo generi alimentari attraverso la Caritas parrocchiale, impegnata mensilmente nella distribuzione alimentare dal 2014.

SOLI MILLE ABITANTI HANNO DATO UNA RISPOSTA CONCRETA ALLE ESIGENZE DEL TERRITORIO

Pur contando solo poco più di 1.000 abitanti il piccolo borgo di Calopezzati è riuscito a dare una risposta concreta alle esigenze del territorio grazie anche ai cittadini nativi del paese ma residenti per motivi di lavoro altrove, segno che la carità cristiana e l’altruismo possono riuscite a muovere le coscienze per poter realizzare progetti per la crescita e lo sviluppo della nostra amata terra calabra.


Commenta

commenti