Home / Breaking News / La Calabria che vuoi su guasto a Bucita

La Calabria che vuoi su guasto a Bucita

la calabria che vuoiAnche il circolo la Calabria che vuoi di Corigliano-Rossano si unisce al coro di lamentele che attacca la scarsa attenzione prestata alla vertenza rifiuti. Sottolineando come non siano bastati venti giorni per riparare il guasto all’impianto di Bucita. “Risultato: tutti i rifiuti della città unica Corigliano-Rossano – si legge nella nota – e quelli dell’intera Sibaritide finiscono a Crotone. Con ripercussioni ambientali ed aggravio di costi a carico dei Comuni interessati. Già l’11 Aprile la società che gestisce l’impianto rossanese comunicava al Dipartimento Ambiente della Regione il verificarsi di un guasto al vaglio rotante. Quest’ultimo, preso atto della situazione, definita come straordinaria, imponeva ad alcuni comuni, compreso quello di Corigliano-Rossano, di avvalersi in via temporanea della discarica crotonese. Fissando al successivo 21 Aprile la data ultima di ritorno alla normalità. La realtà, però, s’è rivelata essere ben diversa.

LA CALABRIA CHE VUOI: PROVVEDIMENTO PENSATO COME TEMPORANEO E’ DIVENTATO QUASI FISSO

Il 21 Aprile, preso atto del permanere del guasto, un ulteriore provvedimento ha prorogato fino alla fine del mese la vigenza delle nuove disposizioni. Ma neppure un’altra settimana è bastata. E con ennesima nota del 26 Aprile è stato spostato al 5 Maggio il termine di vigenza del dirottamento forzato su Crotone. Insomma, un provvedimento pensato come temporaneo e passeggero è diventato quasi fisso ed immodificabile, con tutto quel che ne consegue in termini di sostenibilità ambientale ed impatto sui costi dei Comuni interessati, costretti a sostenere spese maggiori per il trasferimento e lo smaltimento dei rifiuti a Crotone.

Di fronte ad una situazione del genere la Regione, diligentemente, avrebbe dovuto intervenire con mezzi e risorse adeguate, pur di ripristinare con immediatezza la funzionalità di un impianto che serve una delle aree più popolate della Calabria e, soprattutto, la nuova città unica, che del territorio calabrese rappresenta adesso uno dei principali nuclei urbani. Invece ci si affida ai rinvii, alle proroghe, ai differimenti, a dimostrazione della scarsa considerazione che si continua a riservare a questo territorio”. Conclusioni: E’ arrivato il momento di far sentire la propria voce, e di protestare anche formalmente contro l’indifferenza del governo regionale, per poter ottenere non dei privilegi, ma dei diritti che, come i fatti dimostrano, continuano ad essere ignorati e tristemente calpestati».

Commenta

commenti