Home / Breaking News / Jole Santelli vorrebbe Sandra Savaglio per l’assessorato alla cultura

Jole Santelli vorrebbe Sandra Savaglio per l’assessorato alla cultura

Scienziata conosciuta e apprezzata a tutte le latitudini, la Savaglio potrebbe essere il prossimo assessore alla Cultura della Calabria

jole santelliDopo l’annuncio a sorpresa di ieri – la scelta di Capitano Ultimo per l’assessorato all’Ambiente della Regione – la giunta firmata da Jole Santelli potrebbe accogliere un secondo personaggio di spicco. Potrebbe infatti essere Sandra Savaglio, scienziata conosciuta e apprezzata a tutte le latitudini, il prossimo assessore alla Cultura della Calabria. Due personaggi, quindi, estranei al contesto politico quelli con cui la Santelli inaugurerebbe il suo ristretto entourage assessorile.

CHI È SANDRA SAVAGLIO

Sandra Savaglio è una ricercatrice famosa in tutto il mondo. Partita da Cosenza nel 1991, con quasi duecento pubblicazioni, ha visto la sua foto nel 2004 sulla copertina di Time, accompagnata dal titolo “How Europe lost its science stars” (“Così l’Europa perde le sue stelle della scienza”).
La sua è la storia classica di un “cervello in fuga”. Ma ha un finale inedito e diverso rispetto alla parabola di tante intelligenze regalate dalla Calabria ad altre regioni o nazioni.
Savaglio è cresciuta a Marano Marchesato, comune del Cosentino e si è laureata con lode in Fisica nel 1991 all’Università della Calabria, conseguendo il dottorato nella stessa università. Dopo un periodo di post-doc in Francia, Savaglio ha lavorato alla Johns Hopkins University di Baltimora dal settembre 2001 al febbraio 2006.

Si è poi trasferita in Germania all’Istituto Max Planck di fisica extraterrestre, dove ha creato la base dati SQL per i Gamma-Ray Burst Host Studies, il principale database sulle galassie emettenti lampi di raggi gamma.
Nel 2014 è tornata in Calabria, dove attualmente è professore di astrofisica all’Università della Calabria. Oltre all’attività accademica, è impegnata nella promozione della scienza e delle donne nella scienza.

Fonte: Corriere della Calabria


Commenta

commenti