Home / Attualità / Italia Viva Corigliano Rossano invita Stasi a spingere per la realizzazione dell’Ospedale Unico

Italia Viva Corigliano Rossano invita Stasi a spingere per la realizzazione dell’Ospedale Unico

italia viva

In questi giorni chiunque transiti sulla ss106 bis può notare i segnali di impianto di un cantiere per opere stradali nei pressi dell’incrocio di  c.da Inziti.  Si tratta dei lavori di messa in sicurezza  dello stesso incrocio mediante rotatoria.  Un intervento più che necessario considerato che i lavori di realizzazione dell’Ospedale unico, a ridosso dell’incrocio, movimenteranno mezzi  pesanti in entrata e in uscita dal cantiere impegnando un tratto  della 106 bis oltremodo  trafficato e problematico già di suo.  C’è da augurarsi che presto gli interventi di adeguamento possano estendersi anche all’intera strada comunale  di  Inziti che funge da collegamento tra i due tracciati della 106,  decidendo una volta per tutte cosa fare del sovrappasso ferroviario rimasto incompiuto  da anni.  E’ necessario  infatti che la viabilità a servizio della nuova struttura ospedaliera  sia pronta per tempo ad evitare che questa si trovi in deficit di accessibilità.

Ma  a proposito dei lavori di realizzazione dell’Ospedale nuovo ,  per i quali già in questa settimana si sarebbe insediata  in cantiere  l’impresa appaltatrice, destano una certa preoccupazione   notizie sempre più insistenti  circa l’intenzione dell’impresa  di procedere  ad una  variante  del progetto esecutivo del nuovo Ospedale,  relativamente alle  opere strutturali,   per le quali  erano già stati acquisiti i pareri previsti per legge.

 Se così fosse, senza entrare nel merito della questione prettamente tecnica,  ci si chiede  se questo non  sia  un motivo di ulteriore allungamento dei tempi di realizzazione dei lavori, posto che sarebbe necessario acquisire   nuove autorizzazioni.  Perdere ulteriore tempo, oltre quello già trascorso, è un rischio da scongiurare . Specie in questo momento in cui è diventato patrimonio comune acquisito la necessità di accelerare la ripresa dei lavori nei cantieri aperti senza impantanarsi nelle plaghe della burocrazia.  Trattandosi, poi , di un Ospedale non è certo il caso di spiegare perché occorra far presto.

Per quanto esposto i Comitati di Italia Viva Corigliano-Rossano  si rivolgono al Sindaco Stasi perché si accerti se tali notizie rispondano a verità e se  non comportino  un ulteriore spreco di tempo che sarebbe assolutamente inaccettabile ,  considerato l’iter  già  tanto travagliato di quest’appalto.

Inoltre chiedono che il Sindaco individui una figura, all’interno dell’UTC , cui affidare la responsabilità di seguire passo passo l’iter dei lavori dell’Ospedale a tutela del preminente interesse del Comune  di veder al più presto realizzata un’opera  così tanto attesa.


Commenta

commenti