Home / Attualità / Investimenti auto Gioia Tauro, Ichino a Corigliano: “Sindacati verifichino piano industriale”

Investimenti auto Gioia Tauro, Ichino a Corigliano: “Sindacati verifichino piano industriale”

ichino-a-coriglianoUn investimento di circa 120 milioni di euro nel settore dell’industria automobilistica, con ricadute occupazionali anche per Gioia Tauro, da 700 a 1200 persone nel giro di 3-4 anni? I sindacati calabresi dovrebbero dichiararsi subito disposti a trattare ed a verificare il piano industriale (del Fondo americano LCV Capital Management illustrato alla Fiera del Lavante a Bari nelle scorse settimane alla presenza del Presidente Mario OLIVERIO). Il sindacato dei lavoratori calabresi dovrebbe saper scommettere  sull’innovazione, governando questa occasione, senza inerzie o chiusure rispetto ad eventuali imprenditori ed investimenti non italiani.
Così ha argomentato il noto giuslavorista e giornalista Pietro ICHINO rispondendo alle diverse sollecitazioni emerse dal pubblico, al termine della sua lectio magistralis con la quale è stata inaugurata, ieri (martedì 26 maggio), nella Sala degli Specchi del Castello Ducale, il Ciclo pubblico di conferenze per una formazione culturale, politica ed amministrativa promosso dall’Amministrazione Comunale di Corigliano, con il patrocinio della Regione Calabria, in partnership con l’associazione europea Otto Torri sullo Jonio ed in collaborazione con il settimanale L’Eco dello Jonio.
Gli interventi, coordinati da Lenin MONTESANTO, sono stati aperti dal Sindaco Giuseppe GERACI che ha ribadito l’ambizione sottesa a questo nuovo progetto culturale territoriale: stimolare nella classe dirigente, anzi tutto in quella politica, momenti di approfondimento e di apprendimento, di riflessione e di confronto dialettico su questioni e contenuti del pensiero politico, giuridico ed amministrativo della nostra epoca e del secolo scorso. Obiettivo che è il vero valore aggiunto dell’iniziativa che parte oggi da Corigliano – ha detto il Prof. Guerino D’IGNAZIO, Direttore della Scuola Superiore di Pubblica Amministrazione dell’Università della Calabria. È un limite, infatti, pensare alla sola formazione dei funzionari statali. Bisogna puntare anche alla formazione di una classe politica che sia di qualità. Gli amministratori locali – ha aggiunto prima di intervenire sulla sua relazione dal titolo “LA CRISI ISTITUZIONALE IN ITALIA TRA REGIONI SENZA REGIONALISMO E AUTONOMIE LOCALI SENZA AUTONOMISMO” – devono essere consapevoli che lo scenario è mutato. La qualità dipende anche da questa consapevolezza.
MERCATO DEL LAVORO. NON È PIÙ SOLO L’IMPRENDITORE CHE SCEGLIE I LAVORATORI. SONO QUESTI ULTIMI CHE SCELGONO ED INGAGGIANO GLI IMPRENDITORI MIGLIORI. – In Italia – ha spiegato ICHINO, nella sua articolata lezione dal titolo “HIRE YOUR BEST EMPLOYER. UN MERCATO DEL LAVORO MODERNO AL SERVIZIO DELLO SVILUPPO DEL SUD” – questa rottura epistemologica viene impedita da diversi fattori ma anche, non ultimi per importanza, dalla inconoscibilità del nostro diritto del lavoro, dal nostro sistema di relazioni industriali, ancora troppo centralizzato, dalla chiusura culturale all’innovazione. Perché i lavoratori possano scegliere e ingaggiare il buon imprenditore – ha aggiunto – occorre un sindacato capace di essere intelligenza collettiva, di valutare il progetto sulla sua qualità tecnica, sulla trasparenza, sull’affidabilità dell’imprenditore, se la valutazione è positiva, occorre un sindacato abilitato a scommettere su quel progetto, negoziando a 360°, anche su di un modello di organizzazione del lavoro diverso da quello previsto dal contratto collettivo nazionale di lavoro, anche su di una struttura retributiva diversa. Il valore del  lavoro aumenta con l’innovazione; l’innovazione ha bisogno di una scommessa comune tra i lavoratori e un buon imprenditore (da qualsiasi parte egli venga). Per aprire il Paese – e in primo luogo il Sud – agli investimenti stranieri abbiamo bisogno di una auto-riforma del nostro sistema di relazioni industriali, che renda più facile la scommessa comune sull’innovazione.

Commenta

commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*