Home / Breaking News / Pesante intimidazione a un giovane candidato di Corigliano Rossano

Pesante intimidazione a un giovane candidato di Corigliano Rossano

Un proiettile ad alto potenziale è stato lasciato nella cassetta della posta di Gianfranco Costa, in lizza nella coalizione che sostiene Gino Promenzio

intimidazioneSi fa sempre più rovente il clima che si respira attorno alla campagna elettorale di Corigliano Rossano. Giovedì mattina una grave intimidazione è stata perpetrata ai danni di un giovane candidato della coalizione “Civico e Popolare”; che sostiene la candidatura a sindaco di Gino Promenzio. Gianfranco Costa, poco più che ventenne, ha ritrovato nella cassetta della posta una busta con all’interno un proiettile di tipo militare, ad alto potenziale esplosivo. Pronta la denuncia ai carabinieri da parte di Costa, candidato al consiglio comunale nella lista “Fiori d’arancio” che proprio nelle ultime settimane era balzato agli onori della cronaca politica con un video girato nel centro storico di Corigliano.

IL GIOVANE CANDIDATO  AGLI ONORI DELLA CRONACA CON UN VIDEO NEL CENTRO STORICO DI CORIGLIANO

Da allora, e soprattutto dal video girato lo scorso 21 maggio, da quanto appreso, sarebbero stati diversi gli atti intimidatori nei confronti del giovane candidato; che pare abbia informato di tutto i carabinieri del comando di Corigliano. Attorno a Costa si è stretta tutta la coalizione e Promenzio è stato fra i primi a raggiungerlo e a esprimergli la sua vicinanza. “Condanniamo con fermezza – scrivono in una nota “Civico e Popolare” e Promenzio – l’atto chiaramente intimidatorio perpetrato ai danni del candidato consigliere comunale nella lista Fiori d’Arancio Gianfranco Costa. Questa mattina ha infatti rinvenuto nella casella postale una busta contenente un proiettile di tipo militare ad alto potenziale esplosivo.

A Costa – aggiungono – riconosciamo l’impegno ed il ruolo da protagonista nella campagna elettorale che si concluderà tra poche ore; nel corso della quale la coalizione “Civico e Popolare” ha avuto modo di ribadire i principi di trasparenza, rispetto delle regole e legalità come bussola del proprio modo di intendere politica e servizio. La gente incivile non ci distoglierà dal percorso che continueremo a preferire”.

Fonte: Corriere della Calabria


Commenta

commenti