Home / Breaking News / Fusione, il comitato Inps Rossano dice sì

Fusione, il comitato Inps Rossano dice sì

fusioneFusione Corigliano-Rossano punto da cui ri_partire. E’ la convinzione dei sindacati componenti il comitato Inps Rossano. Secondo i quali la città unica potrebbe avere un effetto dirompente su tutte le problematiche del territorio. “La nostra area – si legge nella nota – negli ultimi anni ha registrato un significativo arretramento delle condizioni economico-sociali e di vita della gente. A partire dalle deficienze in materia di politica sanitaria; per continuare con quella dei trasporti pubblici, delle infrastrutture, dei servizi in generale; per finire a quella della tutela della legalità. Anche la nostra sede è stata declassata da Sub-Provinciale ad agenzia complessa. Tutto ciò porta in un tessuto sociale debole quale il nostro effetti devastanti. La risposta a tutto ciò non può venire dalla battaglia singola per ogni questione, ma da una strategia complessiva. Capace di invertire la tendenza e fermare questo declino che da troppi anni interessa il nostro territorio.

In questo senso la fusione è una sfida che ha come obiettivo quello di invertire la tendenza per cui – al fine di risparmiare soldi pubblici – nel nostro territorio, vengono soppressi  servizi primari; come è toccato al tribunale, agli ospedali ed alla stessa Inps. La fusione dei due comuni è in realtà cominciata da tanto tempo. Ormai il Lenzuolo fra Rossano e Corigliano non esiste più. Le due comunità ormai si sentono davvero vicine e amiche. Come verifichiamo tutti i giorni svolgendo il nostro lavoro.  La fusione porterà ad un unico nuovo comune di circa 80.000 abitanti. Uno dei comuni più grandi della Calabria. Dimensione ottimale per economie di sistema, buone condizioni di vita e riorganizzazione dei servizi.

FUSIONE, LE AMMINISTRAZIONI MANTENGANO L’IMPEGNO PRESO

Siamo convinti che il territorio unito, attorno alla nuova città Corigliano – Rossano rappresenta un punto di forza. Per questo siamo per la fusione. Ci costituiamo come Comitato per il sì e lavoreremo affinché il 22 ottobre al referendum vinca il sì e ci sia nella Sibaritide Una grande città. Allo stesso tempo  chiediamo, con forza, alle due amministrazioni comunali di mantenere l’impegno preso e di mettere in atto, INSIEME, ogni azione necessaria per centrare l’obiettivo proposto.

 

Commenta

commenti