Home / Attualità / Infrastrutture, nuova riunione della giunta regionale Calabria

Infrastrutture, nuova riunione della giunta regionale Calabria

La Giunta regionale della Calabria si è riunita nuovamente oggi, 2 agosto, alle ore 12:00. Sotto la presidenza del Presidente della Regione Mario Oliverio, con l’assistenza del Segretario generale della Giunta Ennio Apicella e del dirigente del Settore Francesca Palumbo, sono stati esaminati e approvati alcuni provvedimenti.

L’esecutivo ha assunto, su proposta dell’Assessore alle Infrastrutture, Lavori Pubblici e Mobilità, Roberto Musmanno, uno schema di convenzione tra la Regione Calabria e il Ministero delle Infrastrutture per la realizzazione di alcune importanti opere pubbliche regionali. In particolare la convenzione prevede l’affidamento alla Regione in qualità di soggetto attuatore, per ragioni dettate dalla necessità di imprimere maggiore celerità alla realizzazione dei lavori, delle progettazioni e delle procedure conseguenti delle seguenti opere: collegamento San Mango D’Aquino, svincolo SS 160, collegamento Madonna di Polsi (20 milioni di euro), collegamento Mileto – Paravati, SS 105 Castrovillari (5 milioni) e messa in sicurezza tratto S. Eufemia d’Aspromonte (7 milioni).

INFRASTRUTTURE, REGIONE CALABRIA: INTERVENTI PROGRAMMATI DAL CIPE 

Si tratta di interventi già programmati dal Cipe e finanziati con risorse del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (Fsc). Durante la riunione inoltre, dopo aver analizzato e definito insieme alla Giunta una serie di questioni legate al funzionamento e alla gestione amministrativa dell’Ente, il Presidente Oliverio ha relazionato agli assessori regionali le anticipazioni al Rapporto Svimez sull’economia e la società del Mezzogiorno 2018, presentate ieri a Roma, in cui la Calabria, nel periodo 2015-2017, risulta la regione maggiormente in crescita nel Mezzogiorno d’Italia. In particolare, il Presidente Oliverio ha sottolineato la parte del rapporto che parla di “straordinaria accelerazione nell’utilizzo delle risorse comunitarie e le ottime percentuali di crescita nelle costruzioni, agricoltura ed export”.

Commenta

commenti