Home / Attualità / Incendio Ecoross: autocombustione, tesi confermata

Incendio Ecoross: autocombustione, tesi confermata

Operazioni di spegnimento concluse nelle prime ore del mattino, i vertici aziendali ringraziano vigili del fuoco, forze dell’ordine, protezione civile, Afor e staff di Ecoross per impegno e professionalità

 

Concluse le operazioni di spegnimento del rogo che ha interessato l’area deposito destinata ad ospitare provvisoriamente rifiuti NON PERICOLOSI, quali ingombranti già selezionati, presso il sito di contrada Sant’Irene della Ecoross. I vertici aziendali ringraziano quanti sono intervenuti tempestivamente con impegno, senso di responsabilità e professionalità. In particolare i vigili del fuoco di Corigliano Rossano e i volontari di Trebisacce, il personale della protezione civile, i carabinieri, la polizia di Stato e l’Afor (Azienda forestale della Regione Calabria).

Il sistema innovativo di sicurezza antincendio di cui è dotata l’Azienda è prontamente entrato in funzione. Il personale Ecoross, con specifica qualifica in materia di interventistica antincendio, sin dai primi istanti ha fronteggiato l’emergenza evitando il coinvolgimento di automezzi di proprietà. Contestualmente ha allertato le postazioni di soccorso prontamente intervenute. In questa cornice il management di Ecoross esprime un particolare e straordinario ringraziamento a tutto lo staff aziendale che non si è risparmiato un solo istante nel prodigarsi a sostenere e supportare le operazioni di spegnimento.

Sul posto si sono portati il Sindaco di Corigliano Rossano Flavio Stasi che ha espresso profonda solidarietà all’impresa e i tecnici comunali. Sul fronte delle indagini, sono state acquisite le immagini di videosorveglianza dal personale dei vigili del fuoco dalle quali si dà conferma che l’incendio è da attribuire ad autocombustione dei rifiuti ingombranti.


 

Commenta

commenti