Home / Attualità / Inachis “adotta” due sentieri nel Parco della Sila

Inachis “adotta” due sentieri nel Parco della Sila

Un sentiero del Parco Nazionale della Sila

L’associazione INACHIS Calabria adotta due sentieri del Parco Nazionale della Sila. Si tratta di un’iniziativa avviata la scorsa estate dalla direzione del Parco al fine di sensibilizzare sulle bellezze naturalistiche e ambientali di cui è ricca la nostra Sila. Inachis, quindi, inizia a spiccare il volo e a mettere in pratica tutti i discorsi che ruotano intorno alla salvaguardia dell’ambiente e alla valorizzazione dei territori. Il Parco Nazionale della Sila, che da alcuni mesi aveva messo in campo una manifestazione d’interesse dal nome “Adotta un Sentiero”. Tale iniziativa del Parco, nasce dalla consapevolezza che i sentieri quotidianamente subiscono atti di vandalismo. Ed ha quindi lo scopo di favorire la fruizione, la valorizzazione, la promozione e la tutela dei sentieri realizzati. Adottare un sentiero, significa andare a toccare con mano la natura, nell’ottica di preservarla al meglio ed aumentare la fruizione dei nostri luoghi.

I DUE SENTIERI: VIA DELLE MINIERE E DESTRO DELLA MADONNA

I sentieri adottati da Inachis sono due: Via delle Miniere a Longobucco e Destro della Madonna nei pressi di Monte Pettinascura.

  • La Via delle Miniere – PNS 48 – CAI 513
    Questo sentiero parte dal comune di Longobucco, uno dei piccoli borghi della Sila magistralmente narrato dallo scrittore Norman Douglas come “Una città dalle mille ed una notte”. La Via delle Miniere, conosciuta come uno di quei sentieri dove fino al 1600 si estraeva l’argento per le monete, è uno dei quegli anfratti nascosti della Sila di infinita bellezza, con una storia e delle tradizioni che viaggiano attraverso i secoli.
  • Destro della Madonna – PNS 26A – CAI 414A
    Un sentiero di emozionante bellezza, che parte dalla destra del Monte Pettinascura (fra le vette più alte della Sila) nel cuore della Sila Grande; siamo di fronte a spazi infiniti, in una natura incontaminata e con una prospettiva che in ogni stagione dell’anno regala all’escursionista emozioni diverse da custodire gelosamente.

Per maggiori informazioni basta scrivere a calabria.castrolibero@inachis.org

(fonte comunicato)

Commenti
Inline
Inline