Home / Breaking News / Il Presidente della Provincia incontra i responsabili del Mercato del Lavoro

Il Presidente della Provincia incontra i responsabili del Mercato del Lavoro

20161004_114207Il Presidente della Provincia di Cosenza Graziano Di Natale ha incontrato i Responsabili del Mercato del Lavoro e dei Centri per l’Impiego alla presenza della Dirigente Affari Generali Antonella Gentile e del Segretario Generale Umberto Greco.
Segnale positivo la presenza della Regione Calabria, che ha a suo tempo sottoscritto con la Provincia di Cosenza una convenzione per l’esercizio della funzione – di competenza regionale e ministeriale, in attesa della nascita dell’Agenzia per l’Impiego di cui alla Legge di riforma dell’Ente di Area Vasta. Una presenza confortante, che rimarca un cambio di passo importante nei rapporti fra due Enti ricadenti in una rafforzata filiera istituzionale.
I Responsabili di Servizio hanno esposto criticità e problemi di una situazione ibrida, che necessita di attenzione continua, rivendicando il ruolo di ossatura delle politiche attive del lavoro e avanguardia per il cittadino sul territorio.
«Abbiamo trovato una situazione finanziaria drammatica – ha commentato Di Natale – con spese che non rientravano nella priorità delle funzioni fondamentali della Provincia.
Intanto, d’intesa con la Regione Calabria, sono in arrivo 1.750.000 euro quale saldo Mercato lavoro annualità 2015.
La Provincia viaggia in un mare in tempesta, ma cercheremo di traghettarla in acque più calme. Serve fiducia e rigore nell’amministrare e con me saranno aboliti tutti i privilegi».

Il Presidente si è detto molto soddisfatto dell’interlocuzione avvenuta sui molteplici aspetti che sono al centro delle questioni più urgenti della funzione inerente al Mercato del Lavoro e ai Centri per l’Impiego, in crisi d’identità dopo la Riforma Delrio. Ragionare in termini di unità interna e fra Istituzioni è fondamentale, soprattutto quando gli enti sono soggetti a continui tagli alle risorse economiche e necessità organizzative che richiedono una diversa risposta alle esigenze delle comunità.

Commenti