Home / Attualità / Il Giro d’Italia di Andrea Fucile in Vespa

Il Giro d’Italia di Andrea Fucile in Vespa

di SERAFINO CARUSO

Un’immagine curiosa di Andrea mentre viaggia in Vespa

Prosegue il Giro d’Italia di Andrea Fu­­­­­­­­­­­­cile in Vespa per presentare il suo libro “Girovaga(bo)ndo”. Andrea ha 32 anni ed è di Calopezzati. Dopo essersi laurea­­­­­­­­­­­­to in scie­n­ze de­l­la comunic­az­i­­o­ne all’Università della Calabria, ha de­c­iso vi­a­g­g­i­­a­re e con­os­­cer­­e luoghi e persone del mondo. Così negli ultimi due anni ha intrapreso un lungo viaggio che l’ha portato a visitare quattro continenti. A piedi, in autostop, in bici e tanti altri modi.

LA STORIA DI ANDREA FUCILE, SEMPRE CON LA VALIGIA IN MANO

Ha vissuto 2 anni in Scozia dove ha stu­­­­­­­­­­­­diato ing­l­e­s­e. Poi 9 me­si in Sp­ag­na e 2 anni in Au­str­al­ia do­ve ho lavor­ato. Dopo di ciò, zaino in spalla ha cominci­­­­­­­­­­­­ato a via­g­g­i­a­re 8 me­si in As­ia, 6 in Ce­n­t­ro Amer­ic­a, 6 in Sud Am­­e­r­ic­a, 1 negli St­a­ti Un­iti e 1 in Nu­o­va Zel­­an­da. Oltre a div­e­r­si me­si in Eu­r­o­­pa. Tut­­ti que­­­sti vi­ag­gi so­no stati fa­­tti in modi pa­r­­tic­o­l­­­ari, come dicevamo: bici­­­clett­­­a, aut­­os­t­op, a pi­edi, in ca­mp­­er, au­to, au­t­ob­us, sco­o­­­­ter, tr­e­ni, aerei e tra­ghet­­ti. Da questa magnifica esperienza è nato il suo libro: Girovag­­­a(bo)ndo. Che parla de­­lle culture conos­ciu­­te nel mondo, oltre a fornire ta­n­ti consigli su come viaggiare in modi av­­venturosi.

IL GIRO D’ITALIA IN VESPA PER PRESENTARE IL SUO LIBRO

Ora, approfittando delle tante presentaz­­­­­­­­­­­­ioni in gi­ro per l’­I­talia, Andrea Fucile ha de­c­i­so di pe­rc­o­r­re­­re la nostra pe­ni­s­ola in ves­pa in due mesi. Parliamo di circa 3500 km. E’ partito da­­ Ca­lopezzati l’8 giu­gn­­o e dopo 3500 km in circa 55 giorni vi farà ritorno. Ha iniziato salendo dal versante adriatico. In vespa, con i beni più necessari e i suoi libri. Fino a Trieste. Poi da lì a Torino e da Torino scenderà tutta la costa tirrenica fino in Calabria. Con rientro a Calopezzati. Diverse le tappe, finora. Tra cui San Vito Chietino, Abano Terme, Lizzano, Bologna.

Domani sarà a Jesolo (Venezia). Ma come sta affrontando questo lungo viaggio in Vespa? Ci risponde direttamente lui: “Dormo in campeggio in tenda. Però diverse volte mi ospitano persone con couchsurfing, come capitato a Pescara. Mangio con le persone che mi danno ospitalità. Spesso i Vespa Club mi vogliono conoscere e poi mi offrono tutto. Il giorno guido così mi fermo dove capita”. Un’altra gran bella esperienza, per Andrea. Con il suo entusiasmo contagioso porta allegria e tanti spunti di riflessione sulla vita. Ché si vive una volta sola. E la vita bisogna godersela!

Commenta

commenti